Le News

BIM: CHIUSURA DEFINITIVA PROCEDURA

Care colleghe, cari colleghi,

il presente comunicato ha volutamente un tono “neutro” perché riteniamo drammatica l’uscita di 130 persone in aggiunta a tutte le fuoriuscite degli ultimi mesi. Abbiamo comunque il dovere di informare e accompagnare i colleghi coinvolti nei prossimi passaggi operativi.

Oggi si è svolto l’incontro di verifica come previsto dal punto 8 dell’ipotesi di accordo di chiusura della procedura ex artt.17, 20 e 21 del CCNL del 27/11/2019, ratificato dall’Assemblea dei Lavoratori in data 2 dicembre 2019.

La banca ha dichiarato che le richieste di adesione pervenute sono state 130 e che accoglierà tutte quelle relative al personale in forza alla data odierna.
In parziale deroga all’accordo, l’azienda non eserciterà la prevista facoltà di bloccare o respingere nel limite di 10 le adesioni ricevute. Al fine di consentire il passaggio di consegne, per 16 colleghi che hanno aderito all’opzione B) dell’accordo, la data di uscita sarà così posticipata:

– 1 collega entro il 31/01/2020;
– 9 colleghi entro il 29/02/2020;
– 6 colleghi entro il 30/04/2020.

I suddetti colleghi manterranno le attuali mansioni e sede di lavoro.

Le conciliazioni avverranno a Milano rispettivamente:

  • in data 20/12/2019 presso l’ABI, in Via Locatelli,1 per le opzioni A) e C);
  • in data 23/12/2019 presso la sede BIM di Milano in Via Meravigli, 4 per l’opzione B).

Le spese di trasferta per raggiungere Milano saranno a carico dell’azienda (ciascun dipendente dovrà provvedere alla prenotazione del biglietto tramite procedura BIZTRAVEL).

A coloro che hanno aderito all’opzione B) e che sono intestatari di un mutuo presso BIM, saranno mantenute le attuali condizioni di mutuo e di c/c per tutta la durata di permanenza nel fondo emergenziale + FOC.

L’azienda fornirà tutti i dettagli tramite opportuna comunicazione, sia per ciò che concerne l’iter procedurale, sia per quanto riguarda le spettanze economiche (il verbale di conciliazione verrà anticipato entro domani e riporterà per ciascuno i conteggi riferiti alla propria posizione).

Come organizzazioni sindacali restiamo a disposizione. Seguiranno nostre successive comunicazioni operative, soprattutto per quanto concerne la richiesta della NASPI.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

LEGGI IL COMUNICATO

Enjoy Crypto Gambling den Activities Worries Syndicate Casino

Online casinos, while a new idea, are not new particularly. Every online modern casino participant wants the chance to receive generous money awards. Gambling Specifications regarding 40x about put in and reward. Various casinos side outside refer-a-friend-bonuses. Game titles include video poker machines, roulette, texas hold’em, craps and many even more. You’ll see impressive welcome features and individuals can unlock amazing trophies and prizes as they play on and keep getting greater features and bonuses. leggi tutto…

CENTRO SCI TORINO

 

VAI A SCIARE CON LA FISAC!  CONVENZIONE 2019/20 CON IL CENTRO SCI TORINO

 

Si rinnova la  convenzione con il CENTRO SCI TORINO, il Centro che raggruppa gli Sci Club, le Associazioni Sportive e i Cral Aziendali del Territorio per favorire al massimo questa bellissima attività sportiva!

La convenzione permette di avere uno sconto variabile a seconda della stazione sciistica tra i 4 e i 10 euro a persona acquistando la contromarca del valore di 5,00 euro (tale cifra sarà poi decurtata dal prezzo del biglietto oltre allo sconto previsto dalla convenzione, che potrete visualizzare e scaricare più sotto).

Il costo della Tessera elettronica è di € 5,00 da inviare tramite bonifico alla Fisac Cgil

Iban: c/c intestato a FISAC CGIL n°2350874 c/o UNICREDIT ag. TO Micca
IBAN: IT65H0200801137000002350874 

***SCONTO TOTALE  A PERSONA

TRA 4 E 10 EURO SUL GIORNALIERO***

L’unico tipo di contromarca è la tessera ricaricabile telematicamente.

TESSERA RICARICABILE TELEMATICAMENTE: è una tessera plastificata del costo di 5 euro all’anno che consente l’accesso agli sconti come potete visualizzare nell’elenco riportato sotto ed ha la funzione di skipass.

Si può caricare direttamente online collegandosi al sito del Centro Sci Torino pagando con la propria carta di credito. Permette di non fare la coda alle casse in quanto si può caricare dell’importo che più ci aggrada in qualsiasi momento (anche la mattina stessa prima di andare a sciare – dopo aver verificato le condizioni climatiche)

clicca qui per scaricare L’ELENCO  DELLE  STAZIONI SCIISTICHE CONVENZIONATE)

clicca qui anche per L’ELENCO  ON LINE

In pratica si va sul sito www.skipassopen.it   Ticketing  e www.skiopen.it.

  • si fa la registrazione
  • si inserisce il numero della propria tessera telematica
  • e si ricarica dell’importo desiderato.

La tariffa pratica sarà quella scontata che trovate di fianco alla stazione sciistica nell’elenco.

Il costo di 5 euro è il costo annuo dell’emissione e gestione della tesserina telematica.

Il rinnovo negli anni successivi avrà nuovamente il costo di 5 euro.

 N.B. La validità di entrambi scadrà alla fine della stagione sciistica (presumibilmente aprile 2020)

Vi chiediamo, quindi, di inviare in FISAC le vostre prenotazioni e copia bonifico via posta elettronica all’indirizzo mail

convenzioni.fisac@gmail.com

le tessere potranno essere ritirate(da mercoledi 11 dic)  il martedi e mercoledi’ dalle 10 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 15 , in Via Pietro Micca 17, rivolgersi a:

Mariano Angela (rsa unipolsai Torino),cell :338 20 25 324  si potranno eventualmente stabilire consegne in tempi diversi previo acccordo

 

VERSO IL NUOVO COORDINAMENTO DONNE NAZIONALE DELLA FISAC – ASSEMBLEA REGIONALE DELLE DELEGATE

Care compagne e cari compagni,

nel corso del Coordinamento Donne nazionale dello scorso 17 Settembre ha preso avvio il percorso che porterà nel prossimo mese di Gennaio alla elezione del nuovo Coordinamento Donne Nazionale della Fisac CGIL
Come da dispositivo approvato in quella sede,  la platea dell’Assemblea Nazionale delle Delegate  sarà formata da componenti di diritto – tutte le donne presenti nell’Assemblea Generale Nazionale-  con l’aggiunta di un pari numero di delegate elette nelle Assemblee Regionali delle Delegate.
 Il 4 Dicembre si è tenuta  l’Assemblea Regionale delle Delegate che ha eletto le 6 compagne che rappresenteranno il Piemonte insieme alle 6 compagne presenti nell’Assemblea Nazionale Generale Fisac.

 
Le 12 delegate piemontesi sono:
– delegate di diritto: Cinzia Borgia, Daniela Ferruta, Simona Ponzano, Rosella Pasquali, Anna Andreoni e Daniela Emiliani
– delegate elette: Gloria Pecoraro, Simona Ricci, Marta Cimino, Anna Fiorella, Stefania Frigerio, Maria Falcitelli
 
COORDINAMENTO DONNE FISAC CGIL  PIEMONTE

POLIZZE FISAC: professionali, di cassa, tutela legale, capofamiglia. Offerta sempre più ampia, prezzi sempre più bassi

Anche per il 2020 i nostri iscritti hanno a disposizione due diversi broker in convenzione mediante i quali sottoscrivere le polizze di proprio interesse.

RELABROKER

La polizza RELABROKER Ammanchi di Cassa e RC Patrimoniale ha le seguenti caratteristiche:

Come nel 2019:

  • la retroattività è confermata a 10 anni;
  • per il primo ammanco di cassa NON verrà applicata alcuna franchigia;
  • sono coperte le attività assicurative;
  • sono coperte le attività svolte all’esterno dei locali della banca;
  • l’operatività connessa alla gestione dei bancomat è coperta anche dalla Polizza RC professionale (oltre che ovviamente dalla Polizza Ammanchi di Cassa);
  • il personale assunto a Tempo Determinato, con Contratto di Somministrazione o che nel corso dell’anno andrà in Pensione, in Esodo o in Maternità, potrà stipulare una copertura assicurativa con premio trimestrale o semestrale;
  • chiunque sottoscriva una qualsiasi polizza professionale (RC e/o Ammanchi di Cassa) otterrà gratuitamente anche la copertura della Polizza RC CAPOFAMIGLIA con un massimale elevato a 250.000 €.

A miglioramento di quanto previsto nel 2019:

  • è diminuito il costo per le ipotesi con massimali molto elevati;
  • per il primo sinistro, se di importo pari o inferiore a 3.000 €, della polizza RC Patrimoniale NON verrà applicata alcuna franchigia;

Qui di seguito trovate tutti i materiali informativi dettagliati e i moduli per l’adesione

1 – Fascicolo condizioni di polizza RC AMMANCHI di CASSA e PERDITE PATRIMONIALI 2020

2 – Modulo di Adesione Polizza Ammanchi e RC Professionale 2020

3 – Denuncia di sinistro

.
Oltre alle polizze sulla tutela professionale , qui trovate le condizioni e il modulo di adesione per la polizza Tutela legale che copre aspetti della vita professionale e privata:

1 – Fascicoli informativi con le condizioni generali di Polizza Tutela legale 2020

2 – Modulo Adesione Polizza Tutela legale 2020

Nel caso invece che un iscritto NON sottoscriva alcuna Polizza RC Professionale e/o di Cassa, ma voglia invece sottoscrivere la Polizza Capofamiglia può farlo pagando il relativo premio: € 10 o 20 a seconda dei massimali che sceglie.

Per farlo deve utilizzare il Modulo di adesione RC CAPOFAMIGLIA o MULTIRISCHI ABITAZIONE.

Lo stesso modulo andrà utilizzato da coloro che, godendo della Polizza Capofamiglia, intendono elevare il massimale da 250.000 a 500.000 € pagando 10 €.

Infine vi può essere il caso di iscrittii che desiderino stipulare anche (in aggiunta o in alternativa alla Polizza Capofamiglia) la polizza Abitazione Multigaranzia (anche per danni occorsi all’assicurato).

Similmente all’anno passato, questa Polizza NON è mai compresa con altre polizze e chi vuole questo tipo di copertura (una o più di una o tutte le coperture indicate nel modulo) deve fare il bonifico per l’importo corrispondente. Anche in questo caso occorre utilizzare il Modulo di adesione RC CAPOFAMIGLIA o MULTIRISCHI ABITAZIONE.

Qui trovate le Condizioni di polizza RC CAPOFAMIGLIA e/o MULTIRISCHI ABITAZIONE.

Quindi, per riassumere:

  • I colleghi che sottoscrivono una Polizza RC Professionale e/o di Cassa sono già coperti ai fini del “Capofamiglia” (per danni arrecati a terzi) e, se vogliono, possono elevare il massimale a 500.000 € e/o sottoscrivere la polizza Abitazione (anche per danni occorsi all’assicurato) ;
  • I colleghi che non sottoscrivono una Polizza RC Professionale e/o di Cassa possono decidere di sottoscrivere la polizza Capofamiglia (per danni arrecati a terzi) e/o la polizza Abitazione (anche per danni occorsi all’assicurato).

 

 
AMINTA BROKER

Rispetto al 2019

  • i premi sono diminuiti;
  • per il primo ammanco di cassa NON verrà applicata alcuna franchigia;

Segnaliamo in particolare con tale Broker la possibilità di PARZIALE copertura ESCLUSIVAMENTE nel caso di azione di rivalsa da parte della Banca (e quindi NON nel caso di pagamento diretto da parte del collega) per sanzioni per violazione di segnalazione banconote false e negoziazione di assegni sprovvisti della clausola “Non trasferibile.

Inoltre,  anche con Aminta, chiunque sottoscriverà una qualsiasi polizza professionale (RC e/o Ammanchi di Cassa) otterrà gratuitamente anche la copertura della polizza RC CAPOFAMIGLIA.

Qui trovate tutto il materiale e la possibilità di sottoscrivere le Polizze RC Patrimoniali e Ammanchi cassa, nonché le Polizze per Tutela Legale.

 

I NOSTRI PROSPETTI RIASSUNTIVI

In ragione dell’articolazione dell’offerta di polizze in convenzione e quindi per agevolarvi nella scelta della formulazione più conveniente per voi in ragione di coperture, massimali e premi, abbiamo redatto:

UNA NOTA ANALITICA DELLE DIVERSE COPERTURE ASSICURATIVE RISCHI PROFESSIONALI 2020 R.C. AMMANCHI DI CASSA – R.C. PERDITE PATRIMONIALI

UN PROSPETTO SINOTTICO CHE RAFFRONTA COSTI/MASSIMALI DELLE COPERTURE RELA BROKER CON QUELLI DELEL COPERTURE AMINTA

 

MONTE PEGNI TORINO: NONOSTANTE IL DISINTERESSE AZIENDALE, I COLLEGHI NON SONO NE’ SOLI, NE’ RASSEGNATI

Lunedì 18 novembre abbiamo appreso da un comunicato stampa di Banca Sistema che Intesa Sanpaolo aveva concluso un accordo di cessione del Ramo di Impresa del Credito su Pegno. Al di là della surreale modalità attraverso la quale colleghi e sindacato sono venuti a conoscenza della vicenda, la FISAC di questo territorio ha immediatamente iniziato a raccogliere e mettere in ordine le informazioni necessarie ad avviare la gestione di questo processo. Nello specifico abbiamo:
– censito le posizioni professionali presenti al Monte Pegni di Torino, iniziando anche a raccogliere le specificità individuali;
– raccolto le informazioni numeriche sull’insieme dei Monte Pegni presenti in azienda;
– preso contatto con le organizzazioni sindacali delle aziende che avevano ceduto il settore Pegni nell’ambito dell’anno scorso (Credito Valtellinese e Unicredit) per verificare in quali condizioni si fosse svolta la cessione e come fosse stata gestita sindacalmente;
– studiato la storia operativa e la composizione azionaria di Banca Sistema, nonché abbiamo iniziato a informarci sulle condizioni contrattuali applicate in quella azienda;
– coinvolto i nostri consulenti legali per avviare gli approfondimenti del caso;
– raccolto informazioni sui tempi entro cui l’operazione sarò perfezionata.
La settimana scorsa abbiamo iniziato ad incontrare i colleghi del Monte Pegni, per condividere con chi di loro fosse interessato le informazioni raccolte e soprattutto definire una linea comune che – partendo dalle loro preoccupazioni ed esigenze concrete – possa essere alla base delle richieste che saranno avanzate nella trattativa unitaria che sarà svolta ai sensi delle procedure previste dal CCNL. Tra i temi emersi con maggior forza ci sono: le Garanzie occupazionali, la Previdenza Integrativa, l’Assistenza sanitaria, le Condizioni agevolate, la Mobilità, lo Sviluppo professionale, il Sistema di Conciliazione Vita – Lavoro. Nei prossimi giorni continueremo ad incontrare i colleghi, per affinare i temi i discussione e aggiornare le informazioni via via disponibili. La nostra RSA del Monte Pegni – collega in servizio in quella realtà che quindi condivide in prima persona la quotidianità del lavoro e le preoccupazioni per la fase in corso, ma anche sindacalista esperta e con specifiche competenze negoziali – sarà un importante punto di riferimento. Vogliamo infine stigmatizzare il comportamento aziendale tenuto finora nella gestione di questa vicenda.
– La decisione di cedere il settore del Credito su Pegno è una scelta assolutamente non condivisibile: mette fuori dall’azienda una importante fonte di utili, dimostra quale sia il vero interesse (leggasi nessuno) della banca per le fasce di popolazione più in difficoltà, cancella con un semplice atto notarile tutta la propria storia, dimenticandosi da dove ha avuto origine fin dal 1563.
– L’assenza di una comunicazione strutturata e formale ai colleghi da parte di Intesa Sanpaolo sulla decisione di vendere il Credito su Pegno, nel mentre l’acquirente comunicava l’acquisizione attraverso un comunicato stampa denota quantomeno sottovalutazione e approssimazione.
– Il fatto che tuttora – a distanza di due settimane dall’annuncio dell’operazione di cessione – nessun rappresentante aziendale di nessun livello abbia deciso di “metterci la faccia” e incontrare i colleghi del Monte Pegni per fare un punto dimostra sconsolante disinteresse e lontananza. Confidiamo che questa distanza venga colmata al più presto.
Tutta questa vicenda è partita molto male e a quanto pare stenta a raddrizzarsi. Nonostante questo, e nonostante le ovvie preoccupazioni, i colleghi del Monte Pegni sono orgogliosi del loro lavoro e della loro professionalità e sono determinati a organizzarsi e battersi per difendere i propri diritti e le proprie certezze. Noi siamo convintamente e senza tentennamenti o furbizie di bottega al fianco di tutti loro.

Torino, 2 dicembre 2019

     RSA FISAC/CGIL                  
MONTE PEGNI TORINO         
    INTESA SANPAOLO          
        AREA TORINO                                   

 COORDINATORI FISAC/CGIL
          AREA TORINO 
       INTESA SANPAOLO

  SEGRETERIA FISAC/CGIL
      TORINO E PIEMONTE   

 

MONTE PEGNI

1969-2019

1969: autunno caldo. Alla Fiat Mirafiori di Torino iniziano le agitazioni operaie che segneranno la storia della lotta operaia e che culmineranno nella conquista dello Statuto dei lavoratori. Questo grande movimento sociale avrà termine il 14 ottobre del 1980 quando la cosiddetta marcia dei quarantamila porterà alla resa del sindacato e alla chiusura di una stagione di grandi speranze collettive e di lotte sociali.
 A 50 anni dall’autunno caldo cosa rimane di quelle lotte alle nuove generazioni di lavoratori? Una memoria da coltivare e da trasmettere che come un passaggio di testimone consegni alle nuove generazioni prospettive di lotta per i propri diritti ridotti sempre di più all’osso. 
Questo documentario vuole raccontare e condividere la memoria di quelle persone che credettero e si impegnarono nell’ideale di una società migliore in cui la classe operaia potesse trovare il suo giusto riconoscimento sociale e politico; persone che ai tempi tra loro si chiamavano semplicemente compagni.
 
Durante la serata sarà presentato il progetto e proiettata una “demo” del documentario ancora in fase di lavorazione
 
Centro Studi Sereno Regis – Via Garibaldi 13, Torino
4 dicembre 2019 – ore 21
Ingresso libero

BIM: dopo un percorso duro e in salita, riteniamo di aver siglato un’ipotesi di accordo che in un contesto aziendale critico, con premesse di ricadute occupazionali devastanti, può veramente definirsi un ottimo risultato. Adesso la parola passa alle lavoratrici e ai lavoratori

IPOTESI DI ACCORDO RAGGIUNTA

Care colleghe, cari colleghi,

dopo un’estenuante trattativa di circa due mesi nella serata del 27 novembre si è addivenuti alla firma di un’ipotesi di accordo in un contesto di estrema difficoltà. Come già più volte ribadito nei precedenti comunicati, le scriventi OO.SS. hanno sempre espresso la propria contrarietà ad un Piano Strategico basato prevalentemente sulla riduzione degli organici. Con senso di responsabilità abbiamo lavorato per la sostenibilità dei principi di equità e solidarietà sociale attraverso azioni coerenti volte a ottenere per tutti i colleghi le tutele previste dal nostro CCNL e dagli altri strumenti normativi di settore, strumenti che l’azienda dichiarava di non voler utilizzare se non dopo una pesante riduzione del personale tramite uscite volontarie “incentivate” con cifre inferiori agli standard di categoria. Da questo nostro impegno a garantire che venisse rispettato quanto prescritto dal nostro Contratto Nazionale e dal principio di volontarietà di utilizzo degli strumenti di settore è stata definita questa ipotesi di accordo che verrà sottoposta al vaglio dell’Assemblea dei Lavoratori perché diventi efficace.

Andiamo ad elencare di seguito i punti salienti contenuti nell’ipotesi di accordo che verranno comunque esaminati in dettaglio durante l’Assemblea dei Lavoratori che si terrà lunedì 2 dicembre:

a) Prepensionamenti: I colleghi che matureranno i requisiti pensionistici tra il 1°.01.2020 e il 31.12.2022 avranno la possibilità di accedere al Fondo di solidarietà (prepensionamenti) con garanzie su eventuali modifiche della legge pensionistica. Per tutta la durata di permanenza nel fondo verranno garantite l’assistenza sanitaria, le condizioni bancarie e creditizie agevolate tempo per tempo vigenti e il contributo della Banca al fondo pensione. La Banca e Symphonia si riservano, comunque, la facoltà di non accettare – senza limite numerico – domande di accesso ai prepensionamenti se provenienti da personale che gestisca fasce di clientela e/o portafogli di clienti con mansioni di relationship manager e/o private banker.

b) Accesso al fondo emergenziale: i colleghi che non hanno i requisiti per i prepensionamenti di cui al punto a), e che non aderiscono alla successiva opzione c), potranno accedere, su base volontaria, al fondo emergenziale con una risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro. L’accesso al fondo emergenziale consente un sostegno al reddito per 24 mesi ed eventualmente un sostegno al reddito per ulteriori 12 mesi finanziato dal FOC se verranno utilizzati i servizi di outplacement forniti, su richiesta, dall’Azienda. Coloro che aderiranno a questa opzione riceveranno un incentivo pari a 18 mensilità lorde (in aggiunta alle ordinarie spettanze di fine rapporto, ivi comprese le ferie maturate e non godute e TFR) quale corrispettivo della non opposizione al licenziamento. Di seguito si riportano i massimali mensili previsti dall’articolo 12, comma 3, del D.I. n. 83486/2014, per l’assegno emergenziale, aggiornati per l’anno 2019, nonché le retribuzioni mensili di riferimento per l’applicazione degli stessi. L’importo indicato in prima fascia, calcolato sull’80% della retribuzione lorda mensile, è indicato al lordo e al netto della riduzione prevista dall’articolo 26 della legge n. 41/1986, che attualmente è pari al 5,84%.

Massimali assegno emergenziale:

Retribuzione tabellare annua lorda (euro) % retribuzione tabellare lorda mensile Importo al lordo della riduzione 5,84 (art. 26, L. n. 41/1986) (euro) Importo al netto della riduzione 5,84 (art. 26, L. n. 41/1986) (euro)
Inferiore a 41.621,22 80% 2.431,19 2.289,21
Compresa tra 41.621,22– 54.763,95 70% 2.738,72 2.738,72
Superiore a 54.763,95 60% 3.833,17 3.833,17

c) Piano di incentivazione: i colleghi che non hanno i requisiti per i prepensionamenti di cui al punto a) e che non aderiscono alla opzione b) potranno, su base volontaria, optare per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro con piano di incentivazione che prevede quanto segue: un incentivo pari a 18 mensilità lorde (in aggiunta alle ordinarie spettanze di fine rapporto, ivi comprese le ferie maturate e non godute e TFR) alle quali verrà aggiunto il valore del contributo individuale che la Banca avrebbe dovuto versare in caso di adesione al fondo emergenziale. Il corrispettivo totale varierà da un minimo di 22 mensilità lorde ad un massimo di 24 mensilità lorde.

Si precisa che le mensilità lorde saranno calcolate avendo riguardo alla retribuzione base mensile ottenuta dalla seguente operazione matematica “retribuzione annua lorda riconosciuta al dipendente diviso 12”.
Le adesioni dei colleghi ai punti a), b) e c) dovranno pervenire alla banca entro e non oltre il 16/12/2019 ore 23:59 all’indirizzo email gestionepersonale@bancaintermobiliare.com attraverso la compilazione di moduli che verranno forniti dall’azienda il prima possibile.
La banca e Symphonia avranno la facoltà di:
– non accettare domande di accesso agli strumenti di cui ai punti b) e c) nel numero massimo complessivo di 10 unità, se provenienti da personale con competenze chiave o specialistiche e senza limite numerico, se provenienti da personale con mansioni di relationship manager e/o private banker;
– accettare, con facoltà di differire le uscite dei dipendenti fino al 31.08.2020, domande di accesso agli strumenti di cui ai punti b) e c) nel numero massimo complessivo di 10 unità se provenienti da personale con competenze chiave o specialistiche.

L’azienda e le OO.SS. hanno fissato per il giorno 18/12/2019 un incontro di verifica sulle adesioni pervenute. Tale fase di verifica sarà fondamentale per capire la necessità di riaprire le trattative ai sensi della legge 223/1991.

d) Mobilità territoriale: è previsto il trasferimento del personale presso la sede di Milano delle seguenti direzioni: Internal Audit, Risk Management, Compliance e AML, Pianificazione e CDG, Commerciale, Risorse Umane, Marketing, Affari Societari, Legale, di tutta Symphonia e del 30% della Direzione Mercati Finanziari.

Per mitigare l’impatto sociale derivante dai trasferimenti previsti dall’azienda e che come sindacati non possiamo impedire, abbiamo ottenuto come condizioni migliorative nella cornice dell’accordo che:

1. Non possono essere trasferiti, senza consenso:
i. Colleghe in stato di gravidanza;
ii. genitori con figli di età inferiore ai due anni;
iii. genitori con figli in condizioni di disabilità;
iv. colleghi in condizioni di grave disabilità e colleghi che fruiscono delle garanzie previste dall’art. 33 della legge 104/1992;
v. colleghi rientranti nelle categorie di cui all’art. 1 legge 68/1999.

2. Accoglimento domande di rientro per genitori con figli tra i 2 ed i 4 anni trascorsi 6 mesi dal trasferimento compatibilmente con le esigenze organizzative.
3. Copertura delle spese di abbonamento per l’alta velocità e per la metro in caso di trasferimento tra le sedi di Torino e Milano.
4. Riconoscimento di un importo lordo una tantum per i disagi di pendolarismo pari a 1.500€ per due anni in caso di trasferimento tra le sedi di Torino e Milano. Abbiamo previsto un incontro entro il 30/06/2020 per individuare eventuali ulteriori strumenti per mitigare i disagi relativi alla mobilità territoriale, aprendo una negoziazione su:
– trasformazione del rapporto di lavoro da full-time a part-time anche mediante il ricorso alla parte ordinaria del fondo di solidarietà;
– forme di smart-working.

e) Formazione/Riconversione: Le parti hanno convenuto la necessità di sostenere la riqualificazione e la riconversione professionale delle risorse attraverso programmi formativi che rispondano ai fabbisogni rilevati, anche utilizzando le diverse forme di finanziamento disponibili.

f) Riorganizzazione e chiusura filiali: la banca dichiara che, allo scopo di raggiungere gli obbiettivi delineati nel Piano Strategico, entro il 31/12/2019, le filiali di Bologna e di Pavia saranno accorpate rispettivamente sulle filiali di Modena e Milano.

g) Numero di esuberi ridotto a 130 colleghi.

La situazione aziendale è andata via via peggiorando nel corso degli anni, sino ad oggi. Ricordiamo che nella prima parte dell’anno si è aperta una procedura conclusasi senza alcun accordo. Nel frattempo, l’emorragia di masse e di RM ha peggiorato ulteriormente il quadro globale portando all’apertura di una nuova procedura dall’impatto occupazionale devastante

Ribadiamo l’importanza di partecipare all’assemblea per esprimere il proprio parere su un argomento così importante per la vita di tutti i colleghi: siamo convinti che l’ipotesi di accordo raggiunta sia la migliore possibile in questo contesto aziendale fortemente critico.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

Torino, 28 novembre 2019

COMUNICATO CONGIUNTO 27 novembre

ORE 4:00 Trattativa sospesa

Care colleghe, cari colleghi,

dopo una trattativa durata 18 ore, alle ore 04:00 del mattino le posizioni delle parti sono ancora lontane sia sugli aspetti economici che sull’impianto normativo.

Contrariamente a quanto auspicavamo, dopo l’estenuante lavoro svolto in queste ultime settimane, non si è ancora giunti alla definizione di un accordo.

La procedura è stata sospesa. Le parti si riservano di effettuare in tempi stretti le opportune valutazioni.

Vi terremo informati.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

COMUNICATO UNITARIO

NATALE IN GIOSTRA

NATALE IN GIOSTRA 

Torino Esposizioni – V° Padiglione
Corso Massimo d’Azeglio 15 – Torino

DISPONIBILI DA MERCOLEDI’ 27 NOVEMBRE  PER GLI ISCRITTI FISAC 1 CARNET DA 10 ATTRAZIONI A 13 EURO 

Natale in Giostra a Torino è un paese dei balocchi diventato appuntamento fisso dei bambini e delle famiglie torinesi. In programma, oltre alle tante giostre per i piccoli e i più grandi, anche tanti eventi, concerti, animazioni e altri momenti di divertimento.

Quest’anno Natale in Giostra sarà aperto dal 16 novembre 2019 al 12 gennaio 2020.

 

 ******   IL CARNET  si può richiedere all’indirizzo mail              convenzioni.fisac@gmail.com                                                                     indicando numero di carnet e inviando copia del bonifico effettuato 

il martedì e il mercoledì dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 15.00 consegnando copia del bonifico effettuato oppure su appuntamento!

Per il ritiro rivolgersi ad Angela Mariano (UnipolSai)                           cell 338 20 25 324 

Gli estremi per il bonifico sono:

c/c intestato a FISAC CGIL n° 2350874 c/o UNICREDIT BANCA ag. TO Micca – IBAN IT65H0200801137000002350874

 

BIM: NON FINISCE QUI

Care colleghe, cari colleghi,
in data odierna siamo entrati nella fase cruciale della trattativa, nella quale siamo riusciti a delineare un percorso condiviso con l’Azienda pur permanendo distanze da colmare.
Considerata la complessa articolazione dell’impianto che si sta definendo e le ricadute in termini occupazionali, è stato deciso di non chiudere la procedura, ma di continuare a ragionare sugli strumenti previsti dal settore.
Il prossimo incontro è previsto per il giorno 21 novembre per consentire nel frattempo un quanto mai necessario intervento diretto da parte dei Segretari Nazionali.
Valuteremo come proseguire il percorso senza escludere nessuna iniziativa.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

COMUNICATO CONGIUNTO

BIM: Ricominciamo ?

LA TRATTATIVA CONTINUA

Care colleghe, cari colleghi, a differenza del precedente incontro, dove si è generata una fase di stallo, abbiamo oggi riscontrato un’apertura da parte dell’Azienda che consente la ripresa delle trattative, arrivando a definire una cornice di merito che favorisce il dialogo sociale pur in presenza di una situazione aziendale sempre più complessa.
La trattativa continuerà venerdì 15 novembre.
Le OO.SS. aziendali e territoriali, strettamente in contatto con le Segreterie Nazionali, concentreranno tutti gli sforzi nel tentativo di ottenere il migliore accordo possibile a tutela dei colleghi.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

COMUNICATO CONGIUNTO

SALDO IMU 2019

Il prossimo 16 dicembre sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento del saldo dell’IMU, imposta che si applica sugli immobili diversi dalla prima casa di abitazione e relativa pertinenza.

Ricordiamo che anche quest’anno la TASI relativa alle prime case di abitazione è stata soppressa.

A partire da lunedì’ 18 Novembre e fino a mercoledì 11 Dicembre, le iscritte e gli iscritti FISAC CGIL di Torino e Provincia, potranno avvalersi del calcolo di questa imposta con il servizio CAAF Cgil.

Il servizio di calcolo è gratuito (per chi è iscritto e per i relativi coniugi) solo se la documentazione perverrà all’indirizzo di posta elettronica sotto indicato.

Coloro che  a giugno si sono recati ad una delle sedi CAAF Cgil ed hanno pagato la relativa tariffa, non dovranno più pagare per ottenere il calcolo. Chi non si era avvalso del servizio di calcolo ed andrà ad una delle sedi CAAF dovrà versare la tariffa relativa.

Documenti necessari per il calcolo:

se il calcolo dell’acconto era stato fatto con il nostro servizio:

  • copia del modello F24 di pagamento dell’acconto scadenza 17/06/2019. È indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è avvenuto il pagamento;

indicare eventuali variazioni intervenute (a titolo di esempio: data di eventuale vendita di immobili successiva al 18/06/2019.

Se si fosse acquistato un nuovo immobile:

  • visuale catastale;
  • copia del  codice fiscale;
  • indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;
  • data di acquisto dell’immobile 

Attenzione: nel  caso in cui si fosse acquistato  un immobile come prima casa, ma non si abbia ancora  variato la residenza in tale immobile, si è soggetti al pagamento dell’IMU fino al giorno in cui la residenza non viene variata.

Per coloro che a giugno non si sono avvalsi del nostro servizio:

  • visura catastale non anteriore al 2011;
  • copia del documento di identità e codice fiscale;
  •  indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;
  • copia del modello F24 di pagamento dell’acconto scadenza 17/06/2019. È indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è avvenuto il pagamento.

 

Modalità di esecuzione del servizio 

È sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre mercoledì 11 dicembre tramite posta elettronica al seguente indirizzo:

730fisac@gmail.com

nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite email) il modello F24 utile per il pagamento.

Attenzione: Se hai dimenticato di pagare l’acconto anno 2019 è ancora possibile regolarizzarti con il calcolo del ravvedimento

Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo:

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/InformativaAction.do

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE 

PlayFrank Gambling establishment Giving Regular Difficulties, Reward Moves And Gambling establishment Video games Galore

Enjoy specific income gambling house game titles with totally free bonus offer dollars. Examine back again inside regular while we up-date what is new in almost all your favourite Pennsylvania online casinos. The fact is that what constitutes the best casino games depends on the signifying you ask for. Enjoying on the internet slot machines with regard to enjoyable might not possess the glitz and glamour associated with the packet and mortar on line casino, but there are usually a lot associated with authentic upsides. leggi tutto…

CONTRO GLI STEREOTIPI DI GENERE… USA LA LINGUA!

In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne,  il Coordinamento Donne Fisac Piemonte, insieme a CGIL Torino ha deciso di approfondire il tema del linguaggio in un’ottica di genere nei diversi ambiti vicini alla nostra attività quotidiana.
Negli scorsi anni, e soprattutto nell’ultimo, abbiamo più volte denunciato come la violenza, le discriminazioni e il sopruso siano stati agiti nel contesto pubblico e politico proprio attraverso l’utilizzo di un linguaggio aggressivo e denigrante che sempre più spesso  colpisce le donne e i loro corpi.
Per offrire un confronto sul tema, analizzandolo da diversi punti di vista, è stato  organizzato il seminario “Contro gli stereotipi di genere…usa la lingua!”  patrocinato dal Centro Interdisciplinare di ricerche e studi delle donne dell’Università degli Studi di Torino.

Al seminario parteciperà con un intervento  anche un’esponente dell’Esecutivo del Coordinamento Donne Fisac Nazionale.

CONTRO GLI STEREOTIPI DI GENERE…
USA LA LINGUA!

26 NOVEMBRE 2019
dalle 14,30 alle 17,30
Palazzina Einaudi – aula 5
corso Regina Margherita 60, Torino

Inoltre, nella medesima giornata alle ore 11,00 presso l’Ipercoop  Parco Dora di via Livorno 49,  la Camera del Lavoro e la Fisac Torino/Piemonte organizzano la visita guidata  alla Mostra d’Arte del progetto artistico dell’Associazione Artemixia “Rosso Indelebile” sulla violenza di genere.

Questo progetto, che  dal 23 novembre al 7 dicembre 2019, in diversi luoghi di Torino e, dal 17 al 18 gennaio 2020, a Moncalieri,  farà da contenitore a momenti di approfondimento, conferenze e incontri finalizzati alla sensibilizzazione e informazione della cittadinanza sul tema del contrasto alla violenza sulle donne, con il patrocinio di Regione Piemonte, del Consiglio regionale Piemonte, di Città di Torino e delle Circoscrizione I, III, IV e VI.
Il programma e la descrizione del progetto, oltre che alcune anticipazioni, sono tutte già disponibili sul sito: https//rossoindelebile.it/.

Siete tutte e tutti invitati a partecipare e dare massima diffusione alle iniziative:  visita guidata (appuntamento ore 11,00 Ipercoop Parco Dora, via Livorno 49 Torino) e  seminario (appuntamento ore 14,30 Palazzina Einaudi, aula 5, corso Regina Margherita  60, Torino)

Cari saluti

COORDINAMENTO DONNE FISAC PIEMONTE

SEGRETERIA REGIONALE FISAC PIEMONTE

Country specific Hearing and seeing Care

Apps are generally a good fine manner to have free of cost spots on an important gadget as well as mobile. Some of the casinos feature 100 % free activity for competitors who just joined. Port models may be ready to try to make some people prosperous as well; this will be why even more and even more individuals are usually captivated to have fun with slot machines everyday. 4. Seeking for slot machine game equipment that possess real multipliers – You can determine a equipment with real multiplier if it will pay twofold the payout quantity for the 2nd gold coin as it will for the very first gold coin. leggi tutto…

TANGO ARGENTINO – CIRCOLO ALDOBARALDO

ALDOBARALDO , VIA PARMA 29, BIS  –  TORINO

Scuola di Tango

STAGIONE 2019/20

PER GLI ISCRITTI  FISAC CGIL che presenteranno la tessera l’associazione ALDOBARALDO pratichera’ uno sconto del 10% sui CORSI DI TANGO ARGENTINO

Il

ALDOBARALDO è il Locale con più sale per ballare e per i corsi;

un ambiente piacevole per trascorrere le vostre serate in un’amichevole atmosfera.

Gemellato con Porteno y Bailarin, storica Milonga de Buenos Aires.

I LOVE POKE’

I LOVE POKÉ

è la prima catena italiana di fast-food dedicata al Poke, un piatto hawaiano

componibile in 5 passi (misura – base – ingredienti – proteine – salse), colorato, saporito e sopratutto salutare.

Il  motto infatti è “amati, e mangia sano…”

ogni tesserato FISAC  CGIL avrà diritto al 10% di sconto 

Lo sconto e’ applicabile durante tutti i giorni lavorativi dal Lunedì al Venerdì, solo a pranzo (fino alle 17) con un minimodi spesa di 9,90 €.

Non resta che richiedere la tessera sconto/convenzione presso il locale.

Non é applicabile in giorni festivi e week end.

Non è cumulabile con altre promo ( tessera fidelity) ed eventi .

Accettato pagamento cash/bancomat/carta di credito/visa/ticket.

TEATRO STABILE – TEATRO NAZIONALE

 

https://www.teatrostabiletorino.it/

LA FONDAZIONE DEL TEATRO STABILE –

TEATRO NAZIONALE

RISERVA CONDIZIONI AGEVOLATE

per la stagione teatrale 2019 /20 ai soci FISAC CGIL PIEMONTE

Presentando la tessera associativa FISAC CGIL PIEMONTE presso le biglietterie del Teatro Stabile di Torino, il titolare avra’ diritto :

*****ABBONAMENTOSETTE SPETTACOLI A SCELTA

RIDOTTO EURO 136,00 ANZICHE’ EURO 154,00

*****ABBONAMENTO – SETTE SPETTACOLI A SCELTA GIOVANI (NATI DAL 1994 IN POI) EURO 102

***********************PER L’ACQUISTO ON -LINE******************

(POTRA’ ESSERE RICHIESTA LA TESSERA ALL’ENTRATA IN TEATRO)

*****ABBONAMENTO SETTE SPETTACOLI A SCELTA RIDOTTO EURO 120,00 *escluse commissioni

*****ABBONAMENTO SETTE SPETTACOLI A SCELTA GIOVANI (nati dal 1994 in poi) EURO 95,00 *escluse commissioni

DOPO I PRESIDI DI CUNEO E TORINO DEL 13 SETTEMBRE, L’INCONTRO IN REGIONE CON L’ASS. AL LAVORO, ORA CGIL CISL E UIL INCONTRANO I VERTICI DELLA FONDAZIONE CRC: NO ALLE ESTERNALIZZAZIONI!!!

 

Pubblichiamo il comunicato stampa relativo all’incontro  di Cgil Cisl e Uil e delle rispettive federazioni del credito (FISAC CGIL FIRST CISL UILCA) sulla questione delle ESTERNALIZZAZIONE DI ATTIVITA’ DI UBI SULLA PIAZZA DI CUNEO con i vertici della FONDAZIONE CRC.

In particolare, lunedì 4 novembre le suddette Organizzazioni sindacali hanno incontrato il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo Giandomenico Genta al fine di rappresentare la netta contrarietà e le preoccupazioni crescenti per l’operazione di esternalizzazione di attività del gruppo UBI Banca che sulla piazza di Cuneo coinvolge 37 dipendenti.

 

Di seguito il link al comunicato stampa e 2 articoli della stampa locale di Cuneo:

 

Comunicato UBI Fondazione CRC 4 novembre 2019

 

http://www.targatocn.it/2019/11/07/leggi-notizia/argomenti/economia-7/articolo/esternalizzazione-uffici-ubi-37-cuneesi-coinvolti-fondazione-crc-eserciti-il-ruolo-di-socio-in-di.html

 

https://www.ideawebtv.it/2019/11/07/esternalizzazione-attivita-ubi-banca-su-cuneo-i-sindacati-incontrano-il-presidente-della-crc-genta/

BIM: Dopo le parziali aperture nell’incontro di lunedì scorso, in quello odierno l’azienda ci omaggia dell’ennesima sceneggiata ingranando la retromarcia!

Dopo le parziali aperture da parte aziendale nel corso dell’ultimo incontro, oggi abbiamo assistito ad un vero e proprio dietro front.
L’Azienda ci aveva chiesto il tempo necessario ad una riflessione, convocandoci in data odierna ed impegnandosi a presentare una sua controproposta, cosa che di fatto non è avvenuta.
Riteniamo questo comportamento ingiustificato in considerazione dei tempi ristretti (scadenza procedura 16 novembre) e della mancata concessione di una proroga, da noi richiesta, per addivenire ad un accordo condiviso. Abbiamo ribadito all’Azienda che le lavoratrici e i lavoratori che ogni giorno si impegnano nonostante le incertezze meritano maggior rispetto!
A differenza di quanto avvenuto oggi, ci attendiamo per il prossimo incontro, calendarizzato per il giorno 13 novembre, una proposta scritta, concreta e circostanziata da dati e numeri su cui potere lavorare in maniera costruttiva.
In considerazione dell’inspiegabile stallo della trattativa stiamo valutando con le Segreterie Nazionali ogni iniziativa utile e necessaria in caso di un esito non soddisfacente nei prossimi due incontri (data ultimo incontro, calendarizzato dall’Azienda, 15 novembre).

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

COMUNICATO CONGIUNTO

TESSERE AIACE: SCONTO DEL 30% AL CINEMA E TANTO ALTRO

LE TESSERE AIACE SONO ARRIVATE!!!

DA MARTEDI 12 NOVEMBRE POTRETE PASSARE A RITIRARLE  IN FISAC il martedì e il mercoledì dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 15.00 consegnando copia del bonifico effettuato oppure su appuntamento!

Per il ritiro rivolgersi ad Angela Mariano (UnipolSai) cell 338 20 25 324 

Oltre alla copia del bonifico, vi chiediamo di inviare via mail anche il file excel con i dati anagrafici degli intestatari delle tessere

Tutti al cinema, ma non solo:

Le sale aderenti:

non solo, ma anche:

·        riduzioni su biglietti/abbonamenti a eventi culturali

·        riduzioni su biglietti o abbonamenti a musei e teatri

·        sconti nelle librerie convenzionate

·        sconti per corsi di lingue straniere

·        altre convenzioni: locali, palestre, negozi.

altre info su: www.aiacetorino.it

Il costo per gli iscritti FISAC è di € 7 e si può richiedere all’indirizzo mail convenzioni.fisac@gmail.com

Gli estremi per il bonifico sono:

c/c intestato a FISAC CGIL n° 2350874 c/o UNICREDIT BANCA ag. TO Micca – IBAN IT65H0200801137000002350874

La tessera AIACE ha validità dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2020.

 

BIM: pur soddisfatti del primo risultato di oggi, siamo consapevoli che il percorso è ancora tutto in salita. L’impegno della Fisac sarà, come sempre, inesauribile!

LA TRATTATIVA ENTRA NEL VIVO?

Care colleghe e cari colleghi,
in data odierna si è svolto il quarto incontro con l’Azienda nell’ambito della procedura ex artt. 17, 20 e 21 del CCNL.
Siamo riusciti, con fermezza e coerenza, a scardinare la posizione aziendale di non utilizzare gli strumenti previsti dal CCNL, e di ricorrere solamente alle dimissioni incentivate a discapito della tutela della totalità dei lavoratori del Gruppo BIM.
Il Sindacato ha avanzato le sue proposte, che si articolano nei seguenti punti:

– Prepensionamenti attraverso il fondo esuberi;
– Accesso alle risorse del fondo ordinario, negli anni accantonate e mai utilizzate dall’Azienda (ad esempio, le giornate di solidarietà a cui altri gruppi bancari hanno già fatto ricorso);
– Incentivazione del Part-time con individuazione di criteri di accoglimento delle domande;
– Trasferimenti: abbiamo richiesto delle garanzie di natura economica e sociale per quanto attiene il tema della mobilità;
– Utilizzo della parte emergenziale del fondo.

Riteniamo che la proposta aziendale in merito agli incentivi alle dimissioni volontarie sia ancora molto distante da quel che riteniamo dignitoso per i lavoratori.
Tratteremo con l’Azienda per garantire il miglior accordo possibile in questa situazione di crisi fino all’ultimo giorno disponibile e anche oltre. Per le OO.SS. la tutela dei colleghi è stata e sarà sempre la priorità.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

LEGGI IL COMUNICATO

BIM: Altra fumata nera all’ultimo incontro: le posizioni aziendali sono diametralmente opposte alle nostre!

Care colleghe e cari colleghi,

E’ chiaro a tutti che l’obiettivo dell’Azienda è quello di eliminare 140 posti di lavoro, ragionando solo su dimissioni volontarie incentivate, senza neanche fare ricorso, ad esempio, all’uso del fondo di solidarietà che prevede l’assegno di accompagnamento alla pensione e agli altri strumenti di contenimento dei costi da noi già messi sul tavolo durante la precedente procedura.
La “forza” del nostro CCNL e degli strumenti ad esso correlato è quella di avere un impianto normativo efficiente che prevede tutte le tutele e gli ammortizzatori per gestire le questioni occupazionali in situazioni straordinarie.
A fronte di nostra precisa richiesta riguardo alle modalità tecniche ed economiche e ai tempi dei trasferimenti degli uffici di sede da Torino a Milano, l’Azienda ha manifestato al momento la non volontà di affrontare l’argomento subordinandolo ad una seconda fase. Per noi è invece prioritario tutelare i colleghi coinvolti nei trasferimenti entrando nel merito della valutazione di elementi per noi fondamentali quali carichi di famiglia, disabilità, situazioni personali particolari, part time, ecc.
L’Azienda ha inoltre manifestato chiusura di fronte alla nostra richiesta di dettagli sulla situazione esuberi nelle filiali.
Con il senso di responsabilità che ci ha sempre contraddistinti continuiamo ad adoperarci per trovare tutte le soluzioni possibili al fine di salvaguardare i posti di lavoro. Proprio in quest’ottica abbiamo ribadito all’Azienda che per noi è assolutamente prioritario l’utilizzo di tutti gli strumenti previsti dal CCNL del Credito in caso di tensioni occupazionali:

– prepensionamenti attraverso il fondo esuberi;
– risorse accantonate nella parte ordinaria del fondo da utilizzare con giornate di solidarietà;
– ricorso allo smart-working ed utilizzo volontario del part-time;
– ottimizzazione dei residui ferie e della banca delle ore.

E’ da anni che critichiamo le scellerate decisioni aziendali che hanno portato la Banca in questa situazione, ma pur non potendo entrare nel merito delle scelte strategiche, e quindi anche di come vengono “utilizzati” i soldi, riteniamo scandaloso che non vengano impiegati per conservare i posti di lavoro, per valorizzare il capitale umano e creare le condizioni per un vero rilancio dell’Azienda. Ed è proprio rimarcando le pessime gestioni manageriali che abbiamo formulato all’Azienda la necessità di intraprendere un’azione di responsabilità.
Davanti alla posizione aziendale, riteniamo necessario effettuare gli opportuni passaggi presso le Segreterie Nazionali in previsione del prossimo incontro del 4 novembre.
Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

Torino, 23 ottobre 2019

LEGGI IL VOLANTINO UNITARIO

BIM: SECONDO INCONTRO PROCEDURA

Care colleghe e cari colleghi,

Si è svolto oggi a Torino il secondo incontro tra le Delegazioni Sindacali e l’Azienda relativo alle procedure ex artt. 17, 20 e 21 del CCNL per il settore.

L’Azienda questa volta, dopo le numerose e reiterate richieste da parte sindacale, si è presentata ai tavoli con le informazioni utili come base di partenza per un concreto prosieguo della trattativa. Abbiamo richiesto delle integrazioni che riteniamo necessarie per la valutazione di una procedura che impatta sul futuro di circa 140 colleghe e colleghi.

I dati forniti confermano l’impatto trasversale su tutti gli uffici delle sedi di Torino e Milano,sulla rete filiali e su tutti i ruoli presenti nel Gruppo. La brutalità delle scelte datoriali si evidenzia con chiarezza dai drastici tagli previsti che, nella volontà aziendale, dovrebbero portare alla perdita, compresa Symphonia, di 84 posti di lavoro nelle sedi centrali e 51 nelle filiali.

L’obiettivo del management è quello di arrivare a 161 dipendenti suddivisi in 83 a Milano e 78 a Torino per quanto riguarda il personale di sede e 110 dipendenti di filiale (RM e amministrativi). Per quanto riguarda la Direzione Mercati Finanziari la cui allocazione nell’informativa consegnata alle scriventi prevedeva una distribuzione per il 70% a Torino e per il 30% a Milano, l’Azienda ci ha specificato che gli uffici oggetto di trasferimento saranno la Tesoreria e la Funzione Negoziazione conto Proprio.

Le OO.SS. hanno espresso la loro piena contrarietà allo scenario prospettato dall’Azienda, denunciando il pesante clima nel quale le colleghe e i colleghi sono costretti a vivere quotidianamente ormai da anni, ribadendo che l’unica garanzia di reale tutela passa attraverso gli istituti previsti dal nostro CCNL e solo all’interno di questa cornice è possibile tutelare l’interesse collettivo.

Le RSA aziendali insieme alle strutture territoriali, sono disponibili a fornirvi tutto il supporto necessario in questa delicata fase della vita aziendale.

Rappresentanze Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil

Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

 

LEGGI IL COMUNICATO CONGIUNTO

Bitcoin Slot machine games Games

In these modern times, online activities can be being the just about all getting choices of activities. There are many simply no deposit bonuses that that casino will offer you you, mainly because a fresh player. But, furthermore there can be moreover extras within the activities themselves highly regarded due to jackpot units and totally free re-writes that allow you to exponentially increase your takings. Blending vintage fruit piece of equipment vibes with contemporary videos position additional items, Cherry Trio will be the on the web Gambling establishment video game that is of interest to innovative and even outdated people together. leggi tutto…

CONVENZIONE PIZZERIA GOURMET TASTEIT

TASTEIT GOURMET A TORINO IN VIA CORTE D’APPELLO 2
Elenco dei servizi in convenzione per gli iscritti Fisac CGIL: 
 
1. Menù del giorno
 Invio tutti i giorni del menu del pranzo.
Verrà pubblicato  sulle nostre pagine social e/o si potrà ricevere via mail o cell  per chi ci lascia un contatto .
   
  2. Sconto dedicato 
Sconto fisso del 10% sia a pranzo che a cena presso TasteiT per gli iscritti alla Fisac CGIL . 
 
3. La card Tastei
Forniremo agli  iscritti al  vostro Sindacato una card  TasteiT.
Tale card permetterà di accumulare punti:  ogni 8 pranzi il 9° lo offriamo noi  oppure al 16° pranzo consumato presso di noi  “TasteiT  ti porta a cena”  ovvero il possessore della card avrà diritto ad una cena completa del menù degustazione della pizza gourmet ( la nostra specialità), più un dolce e un calice di vino o birra , acqua.
4. La Delivery 
Possibilità di ricevere  i pranzi direttamente presso i vostri uffici previo ordine via mail o via telefono. Il  servizio di consegna è effettuabile per un minimo di 3 persone.
 
  Altri servizi aggiuntivi : 
 
  5. Cene/pranzi di gruppi per iscritti alla Fisac CGIL
  Per  qualsiasi cena di  gruppo sconto del 20% (non cumulabile con altre promozioni in corso) e menù dedicati al gruppo tra:
·        cena della trazione Piemontese ( extra menu) 
·        cena degustazione pizza gourmet 
·        Cena con cucina di mare 
·        Apericena con abbondante e goloso buffet abbinato a drink  
·        brunch della domenica
 
   6. Meeting, Eventi, Corsi di Formazione
Possibilità di mettere a disposizione  la struttura  alla Fisac CGIL  per eventi, meeting o corsi di formazione con servizio di pranzo, cena, apericena e/o buffet.

 

BIM: SI VA IN SCENA Ciak, ci girano…

All’incontro di ieri a Milano l’azienda si e’ presentata completamente impreparata al confronto, senza neppure tutti i dati che le avevamo preventivamente richiesto per avviare una trattativa estremamente delicata, con i riflettori puntati. L’azienda ha dimostrato di avere un unico obiettivo: far fuori 140 persone, senza peraltro essere in grado di fornire alcuna garanzia per coloro che resterebbero. Il nostro consueto senso di responsabilità ci impone di fare tutto il possibile per tutelare l’occupazione di 140 colleghi. Siamo pronti a portare avanti il nostro impegno con ogni mezzo, a fianco di tutte le lavoratrici e i lavoratori del Gruppo Bim!

 

LEGGI IL COMUNICATO CONGIUNTO

UBI: INCONTRO DEI SINDACATI CON L’ASSESSORE AL LAVORO DELLA REGIONE PIEMONTE

Il giorno 1° ottobre 2019, una delegazione costituita da Rappresentanti delle Segreterie regionali di tutte le OO.SS. e da Dirigenti sindacali di UBI ha incontrato l’Assessore al Lavoro Elena Chiorino per sottoporre all’attenzione delle Istituzioni piemontesi l’operazione di esternalizzazione deliberata da UBI, che coinvolge in maniera significativa la provincia di Cuneo.
Nel corso dell’incontro le OO.SS. hanno rappresentato all’Assessore la situazione generale del Gruppo, a partire dal buon andamento dichiarato da UBI nel comunicato stampa sull’ultima semestrale, che riporta – tra l’altro – spese per il personale in flessione del 3,9% rispetto al 1° semestre 2018, conseguenza della riduzione di organico: -883 risorse che sono il frutto di accordi con il Sindacato con soluzioni a ridotto impatto sociale.
Risulta pertanto in contrasto con il tenore delle relazioni sindacali, tradizionalmente positivo in UBI, la decisione assunta dal Gruppo di cedere a due società non bancarie a carattere multinazionale alcune attività, coinvolgendo circa 200 lavoratori, 102 dei quali, secondo le intenzioni aziendali, sarebbero destinati a cessare ogni relazione con UBI.
Il territorio piemontese appare particolarmente colpito dall’operazione già deliberata: dei 197 dipendenti coinvolti 37 lavorano in Piemonte: il 19%, benché il Piemonte occupi meno del 7% delle lavoratrici e dei lavoratori di UBI.
Le sigle sindacali rilevano quindi come sembri esservi una attenzione “particolare” (non benevola…) al Piemonte, anche per come è stato “confezionato” il ramo di azienda e per la prospettiva che altre attività ritenute non “core” da UBI possano essere prossimamente trasferite nel Cuneese, anticamera di possibili, ulteriori esternalizzazioni che i vertici del Gruppo non hanno escluso.
Il rischio denunciato dalle OO.SS. è che si realizzi nella nostra regione una concentrazione di lavorazioni che UBI considera a basso valore aggiunto e, quindi, sacrificabili.
Una strada pericolosa che merita l’attenzione delle Istituzioni piemontesi perché è solo salvaguardando alti livelli di specializzazione e di competenza, nonché mantenendo e attraendo attività strategiche, che si può difendere e accrescere la produttività e la capacità competitiva di un territorio.
L’Assessore Elena Chiorino ha ascoltato con attenzione tutte le considerazioni di parte sindacale manifestando al termine dell’incontro l’intenzione di prendere contatto con UBI e con la Fondazione CRC, storico azionista di riferimento del Gruppo, per approfondire la questione.

 
Torino, Cuneo, 3 ottobre 2019

 
Fabi Segreteria Provinciale Torino e provincia – RSA UBI Torino
First-Cisl Segreterie Territoriali Torino e Piemonte – RSA UBI – UBISS Piemonte
Fisac-Cgil Segreterie Territoriali Torino e Piemonte – RSA UBI – UBISS Piemonte
Uilca-Uil Segreterie Territoriali Torino e Piemonte – RSA UBI – UBISS Piemonte
Unisin Segreterie Territoriali Torino e Piemonte – RSA UBI – UBISS Piemonte

LEGGI IL COMUNICATO

BIM: CONSEGNA LETTERA PROCEDURA EX ARTT.17, 20 E 21 C.C.N.L. PER IL SETTORE DEL CREDITO

Care Colleghe, Cari Colleghi,

in data odierna le scriventi OO.SS. hanno incontrato i vertici aziendali in seguito all’approvazione del piano strategico avvenuto in data 26 settembre 2019.

Erano presenti all’incontro il Presidente dott. Alberto Pera, l’Amministratore Delegato Ing. Claudio Moro, il nuovo Direttore HR dott. Oliviero Bernardi e l’Avvocato Paglia dello studio Morpurgo & Associati.

Seguirà a brevissimo un ulteriore comunicato nel quale vi illustreremo i contenuti e le considerazioni fatte sul piano strategico 2019-2024.

Ciò che adesso ci preme comunicarvi è che a fine incontro ci è stata consegnata la lettera di avvio procedura ex artt. 17, 20 e 21 del CCNL del Credito riguardante Banca Intermobiliare S.p.A. e Symphonia Sgr che prevede:

– n° 140 esuberi a livello di Gruppo;
– la valutazione del mancato rinnovo alla scadenza dei contratti a tempo determinato in essere;
– contenimento dei costi di consulenza/collaborazioni; 
– mobilità territoriale: riorganizzazione della struttura di sede con, in prospettiva, la previsione di una differente dislocazione fra le sedi di Milano e Torino del personale della Banca. In particolare la procedura prevede che le direzioni della Banca Internal Audit, Risk Management, Compliance e AML, Pianificazione e CDG, Commerciale, Risorse Umane, Marketing, Affari Societari e Legale verranno interamente concentrate presso la sede di Milano. Presso la sede di Torino dovrebbero permanere le direzioni Crediti, Amministrazione e Operations. La Direzione Mercati Finanziari dovrebbe essere invece allocata per il 70% a Torino e per il 30% presso la sede di Milano. Con riferimento a Symphonia è prevista la concentrazione di ogni attività e funzione presso la sede di Milano;
– filiali: razionalizzazione della rete di filiali tramite un processo di riorganizzazione e trasformazione. Tale riorganizzazione prevede, allo stato, l’accorpamento di n°9 filiali.

A chiusura dell’incontro con l’Azienda ci siamo immediatamente riuniti con le nostre Segreterie Territoriali al fine di esaminare i contenuti della procedura e delineare i prossimi passi a tutela dei posti di lavoro di tutte le lavoratrici e lavoratori.

L’azienda, ai fini dell’avvio della prima fase della procedura, ha convocato i tavoli per il giorno 10 ottobre p.v.

Le Rappresentanze Sindacali Aziendali FABI e FISAC/CGIL

Le strutture territoriali FABI, FISAC/CGIL

COMUNICATO CONGIUNTO

INAUGURAZIONE CICLO-OFFICINA RIDERS

In data 1 ottobre sarà inaugurata la Ciclo-officina per i riders allestita presso la camera del lavoro di Torino in via Pedrotti. 

La Camera del Lavoro di Torino lancia un’altra iniziativa innovativa che guarda al futuro del lavoro.

Area ZENIT

Area ZENIT                Via Stellone, 5  Torino

per accedere al sito :

Fisioterapia e rieducazione

POLIAMBULATORIO ,

CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT

CENTRO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE DI 1° LIVELLO

Area ZENIT OFFRE A TUTTI I TESSERATI FISAC CGIL E FAMILIARI, LA POSSIBILITA’ DI ACCEDERE AI PRINCIPALI SERVIZI SANITARI E PER IL BENESSERE A TARIFFE AGEVOLATE

 

VISIONA L’ELENCO DELLE PRESTAZIONI E I PREZZI A NOI RISERVATI  !!!!!!

IN PIU’ SERATEA A TEMA ESPLICATIVE, CON POSSIBILITA’ DI PRENOTAZIONE CON UN NUMERO MINIMO DI PERSONE

PLANTARI IN SEDE

WATSU

ESAME POSTURALE

GINNASTICA PREESCIISTICA

PILATES FISIOS

 

 

CORREZIONI /INTEGRAZIONI 730 2019

Hai notato un errore nella tua dichiarazione dei redditi che deve quindi essere corretta?

Hai dimenticato di presentare dei documenti ed ora vuoi inserirli?

A partire da oggi è attivo il servizio di integrazione/correzione del modello 730 per le iscritte/per gli iscritti FISAC CGIL di Torino e Provincia.

Per ottenere il servizio è sufficiente inviare la documentazione da integrare/correggere, unitamente alla copia del 730 e all’indicazione del proprio recapito telefonico, all’indirizzo di posta elettronica 730fisac@gmail.com  ENTRO E NON OLTRE VENERDI’ 18 OTTOBRE.

ATTENZIONE: nel caso in cui il 730 da correggere/integrare NON FOSSE STATO COMPILATO DAL NOSTRO CAAF (ma effettuato da un altro o direttamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate), è ASSOLUTAMENTE INDISPENSABILE PRODURRE  TUTTA LA DOCUMENTAZIONE  riguardante la dichiarazione dei redditi (compresi quindi gli atti di compravendita e mutuo degli immobili di proprietà, copia delle spese di ristrutturazione – anche quelle sostenute negli scorsi anni -, copie spese mediche, etc).

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

In arrivo i carnet cinema Agis!

pellicola-2-768x512

Da martedì 1 ottobre saranno disponibili presso la Fisac di Torino, via Pietro Micca 17, i carnet cinema AGIS .

Vi ricordiamo che è sempre possibile prenotare i carnet Agis, trovate le informazioni al seguente link:
Per il ritiro potete rivolgervi ad Angela Mariano (UnipolSai) il martedì e il mercoledì dalle ore 10.00 alle ore 12:30 e dalle 13:30 alle 15.00 consegnando copia del pagamento effettuato su:
 
c/c intestato a FISAC CGIL  n°2350874  c/o UNICREDIT BANCA ag. TO Micca
IBAN IT65H0200801137000002350874
 
in caso di problemi con gli orari per il ritiro contattate la collega Angela Mariano al numero 338.202.5324 per trovare una soluzione differente.
 

FISAC CGIL TORINO e PIEMONTE

E-mail: convenzioni.fisac@gmail.com

Al via la convenzione 2019-2020 Carnet Cinema Agis-Fitel! 11 ingressi 51 €

Anche quest’anno è stata rinnovata la Convenzione tra FITeL Piemonte e Agis Piemonte, Valle D’Aosta e Liguria per la diffusione di “carnet-abbonamento” al cinema per il periodo

1 Ottobre 2019 – 30 Settembre 2020.pellicola-2-768x512

Da oggi è possibile procedere con le prenotazioni e con il pagamento dei carnet alle condizioni previste dalla convenzione:

  • CARNET CARTACEI da 11 (undici) Biglietti;
  • Costo per CARNET: 51,00 euro, pari a 4,64 euro a biglietto
  • Utilizzo: da Lunedì al Giovedì, escluso festivi, fino a 4 persone contemporaneamente per CARNET (1 volta al giorno); da Venerdì a Domenica fino a 2 persone contemporaneamente per CARNET (1 volta al giorno); nelle sale 3D si potrà accedere  utilizzando 2 biglietti per spettacolo

Come di consueto, i biglietti vanno staccati dal CARNET presso la biglietteria della sala cinematografica prescelta e vanno sostituiti con il biglietto d’ingresso.

Vi chiediamo, quindi, di inviare in FISAC le vostre prenotazioni(allegando relativo bonifico) via posta elettronica all’indirizzo mail

convenzioni.fisac@gmail.com

utilizzando il modulo scaricabile

MODULO PRENOTAZIONE CARNET CINEMA AGIS

Il pagamento dovrà essere effettuato esclusivamente tramite bonifico bancario di cui si dovrà esibire copia per ritirare i carnet prenotati.

Gli estremi per il bonifico, come sempre, sono i seguenti:

  • c/c intestato a FISAC CGIL n°2350874 c/o UNICREDIT BANCA ag. TO Micca – IBAN IT65H0200801137000002350874

Si accettano ordini e pagamenti collettivi.

QUI L’ELENCO DELLE SALE ADERENTI.

BIM: A CHE GIOCO STANNO GIOCANDO?

Care colleghe e cari colleghi,

ci ritroviamo a settembre dopo un’estate trascorsa con mille preoccupazioni e domande sul futuro di Bim e Symphonia.
Dopo aver chiuso le procedure ex artt. 17 e 20 CCNL 2015 senza che l’Azienda ponesse le basi per un accordo a tutela dei colleghi e passasse invece alle minacce di intraprendere iniziative in autonomia, siamo ad oggi, dopo tre mesi, ancora in attesa di un incontro con l’Amministratore Delegato! Nel frattempo non contribuiscono a tranquillizzarci le dimissioni dell’ex Presidente Dennert e di alcuni Consiglieri, la posticipazione entro fine settembre della comunicazione della semestrale, le politiche di revisione sui costi di prodotti e servizi, e le dimissioni di altri colleghi, nonché la presunta cancellazione (o slittamento?) della data della convention prevista per metà settembre.
Apprendiamo solo dai comunicati stampa che insieme all’approvazione della semestrale è prevista la definizione del nuovo Piano Industriale (a distanza di un solo anno dal precedente). Quale il contenuto??
Chiediamo a gran voce risposte chiare e progetti credibili che da troppo tempo non vediamo! Ad oggi, non vi è alcun segnale positivo all’orizzonte, nessuna luce in fondo al tunnel ma sempre BUIO PESTO!!!

Non sappiamo che piatto ci stiano “cucinando” il management e l’azionista, quale sia il loro gioco, ma di una cosa siamo certi e la ribadiamo ancora con chiarezza:

Non siamo disposti a permettere che il tanto millantato “rilancio” di Bim si realizzi ancora una volta sulla pelle degli onesti lavoratori!

Il lavoro è sacro ed useremo ogni mezzo per difenderlo!

COMUNICATO CONGIUNTO

ESTERNALIZZAZIONI UBI: OGGI 100 PERSONE. DOMANI?

 PER IL MOMENTO NOI CI MOBILITIAMO!!!!

Si è svolto oggi, venerdì 13 settembre, il presidio unitario a Torino di tutte le sigle sindacali del Credito e delle Assicurazioni per manifestare, con il supporto delle Segreterie Regionali/territoriali, contro la decisione aziendale di procedere ad esternalizzazioni nel Gruppo Ubi Banca.

Il presidio, che ha visto la partecipazione di colleghe e colleghi di numerose banche e assicurazioni, è stato organizzato a supporto della mobilitazione avviata su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle 8 piazze colpite dalle esternalizzazioni (in Piemonte, il polo Ubis di Cuneo).

Abbiamo manifestato unitariamente davanti alla sede della Giunta Regionale! Abbiamo però appreso che la Giunta, convocata per la giornata odierna, non si è tenuta presso la sua legittima sede ma a Novara (Giunta itinerante!). In ogni caso, siamo stati ricevuti dallo staff del Presidente Cirio che, ascoltate le nostre motivazioni, ci ha comunicato che il Presidente si è reso disponibile ad incontrare una nostra delegazione nei prossimi giorni.

Successivamente il presidio si è spostato in Via Santa Teresa, Sede della Direzione Territoriale di Torino di Ubi Banca.

Qualche foto di oggi:

 

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

Riteniamo che il presidio di oggi sia stato all’insegna della solidarietà all’interno della nostra categoria e di supporto alla mobilitazione delle 8 piazze interessate dalle cessioni.

Ecco alcune foto del presidio che si è svolto a Cuneo (polo in cui una quarantina di colleghi sono coinvolti dall’operazione) dopo l’assemblea partecipatissima di questa mattina:

 

ARTICOLO DI TARGATO CN

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Welcome Extras With No Deposit

Slot machine game equipment are really the most popular internet casino video game found in the planet, both found at land-based and on-line casinos. On virtually all established modern casino apps, it would be a amazement to see less than a partners hundred of cellular casino wars available. You shall usually just need to play the game for the first time to receive this. For every $1 was the winner, the participant need to bet a minimum amount of $20 in order to money out reward and any winnings. leggi tutto…

Activity Article content From AMAZINES.COM

Who won’t want to earn funds within a short course of period? Numerous participants such as the idea of taking part in casino video games on the internet with actual cash, though they are not certain where to start. There are a huge variety of slots available online through gambling websites and online casinos for you to enjoy, and there’s a huge assortment of the very best slots in the world available about line. The virtually no put in craze has found on and today, there are plenty of web sites which are specifically dedicated to the result in as effectively as plenty of others that offer virtually no put in free bingo on top of the many other bonus items and offers available therein. leggi tutto…

ABRAHAM Related Articles

Specific Bargain Internet poker shall not need to a Random Number Turbine to calculate the cards every gambler is certainly dealt. Huge assortment of dining room table and slots activities. Newcomers are generally able to find just seeing that a lot of satisfaction outside of no cost moves bonus items seeing that seasoned members. It is your decision to come to be their adviser to promote their modern casino and they are rendering you the true have and benefit seeing as their modern casino is an important provably true bitcoin modern casino. leggi tutto…

CHIUSURA ESTIVA CONVENZIONI

CHIUSURA ESTIVA 

comunichiamo a tutti i nostri iscritti che

saranno sospese per chiusura estiva le convenzioni relative ai biglietti e tessere :

THE SPACE/ QC TERME /    dal 16 AGOSTO  al 9 SETTEMBRE

TESSERE MUSEI   dal 5 AGOSTO al  15  SETTEMBRE, per aggiornamento  del sistema emissione del Comune di Torino

Rimangono ATTIVE   le convenzioni       

ZOOM (PARCO E PARCO+PISCINE)  e GARDALAND.

i biglietti andranno prenotati,  previa mail e bonifico a : convenzioni.fisac@gmail.com,

modalita’ di consegna ,come da articoli gia’ pubblicati

per informazioni  riferimento :                                                  Angela Mariano tel  338 20 25 324 

Convenzioni Fisac Piemonte

 

SERVIZIO DI COMPILAZIONE MODELLO REDDITI 2019 (EX MODELLO UNICO)

A partire da oggi fino al 30 settembre (con l’interruzione nel mese di agosto per la pausa estiva) è possibile avvalersi del servizio di compilazione del Modello Redditi (ex Modello Unico) per gli iscritti di Torino e Provincia

CHI DEVE COMPILARE IL MODELLO REDDITI?

1) Coloro che hanno una CASA DI PROPRIETA’ ALL’ESTERO:  la compilazione è obbligatoria e comporta il pagamento di una imposta patrimoniale. La mancata presentazione dello stesso può comportare pesanti sanzioni (fino ad arrivare al sequestro dell’immobile).

DOCUMENTI NECESSARI:

  • fotocopia atto di acquisto (se il costo dell’immobile è indicato in una valuta diversa rispetto all’Euro è necessario indicare il tasso di cambio relativo). Anche se lo scorso anno ci si è avvalsi del servizio del nostro Caaf, la presentazione di questo documento è obbligatoria;
  • carta d’identità e codice fiscale di tutti i proprietari dell’immobile di cui si richiede la compilazione;
  • copia versamento imposta sugli immobili pagata all’estero (fronte e retro poiché in alcuni paesi nel retro c’è l’indicazione di alcuni importanti dati);
  • copia MOD RW UNICO compilato lo scorso anno.

Costo per la compilazione:  gratuito per le iscritte/gli iscritti Fisac CGIL; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a

2) Chi ha un CONTO CORRENTE ALL’ESTERO.

Anche in questo caso è prevista una imposta patrimoniale e la mancata presentazione del modello redditi può comportare il sequestro del c/c in oggetto.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • documento e codice fiscale degli intestatari del conto di cui si richiede la compilazione;
  • estratti c/c di tutto l’anno (dal 01/01/2017 al 31/12/2017) con eventuali interessi;

Costo per la compilazione gratis   per gli iscritti Fisac Cgil; 20,00 Euro per i coniugi di iscritto/a; 25,00 Euro per i non iscritti.

3) Altre ragioni. Ad esempio DECESSO di un FAMILIARE di cui si è eredi, oppure REDDITI percepiti ALL’ESTERO, ma da residenti in Italia

DOCUMENTI NECESSARI:

Stessa documentazione prevista per il 730. In caso di decesso di un familiare è necessaria copia del documento di identità e codice fiscale del de cuius.

Il costo per la compilazione varia a seconda del reddito percepito  (fino a 11.000 Euro di reddito la tariffa è pari a 25,00 Euro, da 11.000 a 30.000 Euro la tariffa è di 35 euro, oltre i 30.000 Euro di reddito, la tariffa è pari a Euro 42, per i coniugi/figli conviventi di iscritto la tariffa è pari a 50,00 Euro)

 La documentazione dovrà pervenire  all’indirizzo di posta 730fisac@gmail.com entro e non oltre il 30 settembre (ricordiamo che il servizio nel mese di agosto non sarà attivo), indicando anche un recapito telefonico. 

Per il pagamento della tariffa prevista per la compilazione sarete contattati direttamente dalla  FISAC Torino 

In alternativa è possibile prendere un appuntamento direttamente presso una delle sedi CAAF Cgil fai click qui per vedere l’elenco

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

Credito Cooperativo: Chiusura del comparto GARANTITO!

Le Segreterie Nazionali First/Cisl e Fisac/Cgil, in rappresentanza del settore Credito Cooperativo, ieri pomeriggio hanno inviato al Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione Nazionale una diffida per la chiusura del COMPARTO GARANTITO ORIZZONTE 5. 

In attesa degli esiti di questa nostra ulteriore iniziativa si ricorda che nel frattempo prosegue incessante la raccolta delle DIFFIDE sottoscritte dai singoli aderenti al Fondo Pensione Nazionale. Consigliamo a tutti gli aderenti al Fondo Pensione Nazionale di stampare e salvare la propria posizione personale dal sito del Fondo Pensione Nazionale. Documentare quanto era l’ammontare depositato e la linea di investimento al 30 giugno 2019 potrebbe essere importante nei prossimi mesi.

Leggi il comunicato

 

I 100 ANNI DI ABI: Caro Presidente…

Con la presente sono ad inviarVi in qualità di Segretario Generale della Fisac CGIL ( Federazione Italiana del Credito e delle Assicurazioni ) la comunicazione che sarà diffusa nella giornata di domani 12 Luglio, in occasione della celebrazione dei 100anni di ABI cui presenzierà anche l’Illustrissimo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Riteniamo doveroso e utile come Sindacato comunicare all’Ill.mo Presidente della Repubblica le nostre riflessioni e preoccupazioni circa le problematiche che investono in settore come di seguito rappresentate….

Lettera al presidente della Repubblica

ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE: NUOVO SERVIZIO PER GLI ISCRITTI FISAC CGIL DI TORINO E PROVINCIA

 

Dal 1° Aprile scorso, l’INPS ha disposto che TUTTE le domande per gli assegni familiari vengano inviate esclusivamente in via telematica tramite PIN personale o Patronati.

 

Questa novità comporterà sicuramente un allungamento dei tempi di erogazione degli assegni, poiché a differenza del passato, la  valutazione e l’autorizzazione delle domande non è più di competenza del datore di lavoro.

La FISAC CGIL di Torino e Provincia è a tua disposizione per la consulenza e l’inoltro della domanda; le iscritte e gli iscritti di Torino e Provincia potranno infatti:

 
– rivolgersi al proprio rappresentante sindacale FISAC  CGIL aziendale;  presentando la documentazione necessaria (FAI CLICK QUI elenco documenti), provvederemo all’inoltro immediato della domanda al Patronato INCA CGIL che invierà successivamente la ricevuta di presentazione della richiesta all’INPS
 
ATTENZIONE: L’INPS lavorerà direttamente tutte le pratiche ricevute ( i cui tempi di lavorazione dipenderanno esclusivamente dalla Sede Territoriale competente ) e invierà comunicazione dell’ erogazione al richiedente e al datore di lavoro, che provvederà, in caso di esito positivo,  all’accredito in busta paga;
 
–  rivolgersi direttamente  ai  Patronati INCA CGIL territoriali (FAI CLICK QUI SEDI INCA)

– presentare autonomamente la domanda dal sito INPS,  utilizzando  il proprio PIN dispositivo personale e/o identità SPID

 
DIPARTIMENTO WELFARE FISAC CGIL PIEMONTE

BIM: CHI L’HA VISTO?

Informiamo tutti i lavoratori che in data 13 giugno avrebbe dovuto svolgersi l’incontro tra le scriventi OO.SS. e l’Azienda nella figura dell’Amministratore Delegato Ing. Claudio Moro.

Con nostro profondo rammarico ancora una volta constatiamo la totale mancanza di rispetto nei nostri confronti e di tutti i lavoratori che rappresentiamo, poiché ci è stato comunicato ufficialmente solo poco prima dell’incontro la sua indisponibilità a partecipare. La presenza del top management, in una fase cruciale come quella attuale, avrebbe rappresentato un segnale di attenzione nei confronti di tutti i colleghi. Un nuovo appuntamento allo stato attuale non è stato ancora fissato.

Le scriventi OO.SS., forti del mandato assembleare, si riservano di porre in essere tutte le azioni consentite a tutela dei colleghi.

LEGGI IL COMUNICATO

Seminario 12 giugno: LAVORO A TEMPO DETERMINATO: EVOLUZIONE LEGISLATIVA SINO ALLA LEGGE N. 96/2018 “DECRETO DIGNITA'”

Pubblichiamo il materiale relativo al Seminario a cura di Alberto Massaia che si è svolto il 12 giugno u.s. dal titolo:

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

EVOLUZIONE LEGISLATIVA SINO ALLA LEGGE N. 96/2018 “DECRETO DIGNITA'”

LAVORO A TEMPO DETERMINATO EVOLUZIONE LEGISLATIVA

LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE INDENNIZZI PER IL CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO PREVISTI DAL JOBS ACT

LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SPESE GIUDIZIALI NEL PERCORSO CIVILE

Qualche foto dell’evento:

BIM: È BUFERA

Care colleghe e cari colleghi,
vi informiamo che le scriventi OO.SS. insieme alle rispettive Segreterie Territoriali hanno inoltrato in data 6 giugno una lettera all’Azienda chiedendo un incontro urgente con l’Amministratore Delegato, fortemente allarmate dalla situazione aziendale. Le inattese dimissioni del dott. Jurgen Dennert, insediatosi solo il 30 aprile scorso, dalla sua carica di Consigliere e di Presidente del Consiglio di Amministrazione di Bim e le preoccupanti nuove notizie apparse su alcuni organi di stampa contribuiscono ad inquietarci ulteriormente sul futuro della Banca e del Gruppo.
Da anni ormai le scriventi manifestano grande preoccupazione per le sorti aziendali, visti i disastrosi numeri di bilancio, la perdita di redditività, l’emorragia delle masse e dei gestori di portafoglio con il conseguente svuotamento di alcune filiali, le gravi lacune nelle strategie aziendali per la mancanza di un progetto concreto e lungimirante.
Abbiamo sempre manifestato questa preoccupazione ad ogni incontro con l’Azienda e agli svariati interlocutori che si sono succeduti con una inusuale celerità, ribadendo come nostra costante priorità la tutela occupazionale dei colleghi, vittime di scelte scellerate e distruttive da parte del top management. Anche le inspiegabili recenti decisioni aziendali di chiusura delle procedure ex artt. 17 e 20 CCNL 2015 senza accordo sindacale e la dichiarazione di voler procedere con iniziative in autonomia è stato, a nostro avviso, un grave segnale di chiusura dalla parte datoriale, controproducente per tutti.
Come sempre, vi terremo aggiornati.

 

LEGGI IL COMUNICATO CONGIUNTO

CGIL e dintorni