Abruzzo: comunicato unitario sulle iniziative

Click qui per il comunicato dei Segretari Generali sulle iniziative di solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma in Abruzzo. “Cogliamo l’occasione per informarvi che i nostri compagni sono tutti salvi, pur avendo, alcuni di loro, subito gravissimi danni alle abitazioni. A loro e a tutte le persone che in questi giorni soffrono va il nostro affetto e il nostro impegno. Cercheremo un’intesa con le associazioni datoriali, a partire da ABI e Federcasse, per la concessione di giorni di permesso retribuito ai nostri colleghi che fanno i volontari sul campo.”

Print Friendly, PDF & Email

Terremoto in Abruzzo

Diretta di RAI News 24 sul terremoto in Abruzzo: click qui.
“Esprimo il dolore mio e della Cgil” per le vittime del sisma in Abruzzo. Lo afferma il leader della Cgil, Guglielmo Epifani, annunciando “una sottoscrizione con Cisl, Uil e Confindustria che riguarderà il mondo del lavoro e delle imprese”. Intervenendo a Panorama del giorno, Epifani ha assicurato che, come nel passato, la Cgil “si attiverà” per offrire integrazione ai soccorsi: “Ora bisogna salvare più vite possibili e mettere in sicurezza le persone. Poi bisognerà procedere in modo puntuale alla messa in sicurezza delle nostre scuole e dei nostri centri” [http://www.rassegna.it/].

Print Friendly, PDF & Email

Le assemblee, il voto ed alcune prime analisi

Dal sito www.cgil.it: All’interno di questi link troverete dei primi commenti relativi agli straordinari risultati sul percorso assembleare e di consultazione aperto dalla CGIL in merito all’accordo separato. Le assemblee sono state 59.377 ed hanno partecipato al voto 3.643.836 persone, queste cifre, più di ogni altra cosa ci dimostrano come il valore della democrazia è un valore attualissimo per lavoratori, pensionati, precari e che, tutte le volte che si mette in campo la richiesta di un pronunciamento, la partecipazione è molto alta perché le persone vogliono poter determinare le scelte che le riguardano… Articoli completi e link: click qui.

Print Friendly, PDF & Email

4 aprile: dettagli su autobus e treno

La FISAC di Torino mette a disposizione dei propri iscritti e simpatizzanti 250 posti in autobus e 100 posti in treno per partecipare alla manifestazione del 4 aprile a Roma. Gli autobus partiranno nella serata di venerdì 3 aprile da Piazza Solferino (il rientro a Torino è previsto nella notte di sabato 4 aprile). Il treno speciale partirà nella serata di venerdì 3 aprile dalla stazione di Porta Nuova (il rientro a Torino è previsto alla prime ore del mattino di domenica 5 aprile). Per i costi contattare la segreteria. Tenuto conto dell’esigenza di organizzare al meglio il viaggio, vi preghiamo di voler comunicare in Fisac (Valeria o Luciano) nel più breve tempo possibile e comunque entro e non oltre mercoledì 25 marzo p.v., il numero dei partecipanti della vostra Azienda e la sistemazione prescelta (autobus o treno).

Print Friendly, PDF & Email

Giuseppe Di Vittorio: lo volevano bene pure le pietre

Riportiamo, su autorizzazione dell’agenzia quotidiana afNews – www.afnews.info -, questo lancio d’agenzia sul film su Giuseppe Di Vittorio.

 

SILF/SLC/CGIL, il sindacato di fumettisti, illustratori e animatori, segnala: In TV il 15 e 16 marzo 2009 su RAI Uno, Pane e Libertà, il film su Giuseppe Di Vittorio, il famoso grande sindacalista della CGIL, quello che disse “nessuno dovrà più morire per un pezzo di pane” e, durante i fatti d’Ungheria, nonostante Togliatti, “fra i carri armati e gli operai, noi stiamo con gli operai” e che voleva la CGIL come un sindacato “autonomo dai partiti, dai governi, dai padroni“. Con l’occasione segnaliamo qui anche il fumetto realizzato nel 2006 dal cartoonist Gianni Carino (click qui), quello del 1982 (di Renzo Di Mauro e Lionello Bignami, con introduzione di Luciano Lamaclick qui per vederne una tavola) e quello del 1958, di cui vedete l’incipit qui accanto e che potete leggere integralmente facendo click qui. Si tratta di un interessante documento d’epoca (un fumetto in cui la figura del sindacalista, recentemente scomparso, veniva usata a sostegno della campagna elettorale), che racconta la vita del sindacalista, molto amato dalla gente (“lo volevano bene pure le pietre“) e rispettato dagli avversari politici, coi toni enfatici dell’epoca. Ben diversamente da quanto farà il film presentato in televisione nei prossimi giorni, che dovrebbe offrirne un ritratto più umano e autentico, e che vede come protagonista l’attore Pierfrancesco Favino.

Print Friendly, PDF & Email