Giuseppe Di Vittorio: lo volevano bene pure le pietre

Riportiamo, su autorizzazione dell’agenzia quotidiana afNews – www.afnews.info -, questo lancio d’agenzia sul film su Giuseppe Di Vittorio.

 

SILF/SLC/CGIL, il sindacato di fumettisti, illustratori e animatori, segnala: In TV il 15 e 16 marzo 2009 su RAI Uno, Pane e Libertà, il film su Giuseppe Di Vittorio, il famoso grande sindacalista della CGIL, quello che disse “nessuno dovrà più morire per un pezzo di pane” e, durante i fatti d’Ungheria, nonostante Togliatti, “fra i carri armati e gli operai, noi stiamo con gli operai” e che voleva la CGIL come un sindacato “autonomo dai partiti, dai governi, dai padroni“. Con l’occasione segnaliamo qui anche il fumetto realizzato nel 2006 dal cartoonist Gianni Carino (click qui), quello del 1982 (di Renzo Di Mauro e Lionello Bignami, con introduzione di Luciano Lamaclick qui per vederne una tavola) e quello del 1958, di cui vedete l’incipit qui accanto e che potete leggere integralmente facendo click qui. Si tratta di un interessante documento d’epoca (un fumetto in cui la figura del sindacalista, recentemente scomparso, veniva usata a sostegno della campagna elettorale), che racconta la vita del sindacalista, molto amato dalla gente (“lo volevano bene pure le pietre“) e rispettato dagli avversari politici, coi toni enfatici dell’epoca. Ben diversamente da quanto farà il film presentato in televisione nei prossimi giorni, che dovrebbe offrirne un ritratto più umano e autentico, e che vede come protagonista l’attore Pierfrancesco Favino.

Print Friendly, PDF & Email

Tavola Rotonda sulla Condizione Femminile

Lunedì 9 marzo 2009 presso INTERCOOP/Cooperativa Di Vittorio di Torino, ha luogo una tavola rotonda indetta dalla FISAC CGIL sui temi della condizione femminile nel mutato contesto economico e sociale di questi mesi. All’iniziativa hanno aderito e parteciperanno Aurora Tesio, Assessore alle pari opportunità della provincia di Torino, Graziella Rogolino, della Segreteria FISAC Nazionale e Donata Canta, Segretaria Generale della Camera del Lavoro di Torino. [Click qui per la locandina.]

Print Friendly, PDF & Email

Bonus Scuola

“Care iscritte e cari iscritti, per il 2009 le domande per richiedere i buoni scuola erogati dalla Regione Piemonte devono essere presentate entro il 16 Aprile 2009. I bandi riguardano due tipologie di spesa: 1) ASSEGNO DI STUDIO PER ISCRIZIONE E FREQUENZA 2) ASSEGNO DI STUDIO PER SPESE DI LIBRI DI TESTO, ATTIVITA’ INTEGRATIVE PREVISTE DAI PIANI DELL’OFFERTA FORMATIVA, TRASPORTI Il richiedente deve…” Click qui per il volantino completo.

Print Friendly, PDF & Email

Torino: Assemblea su Crisi e Accordo separato

Una foto su FlickrGiovedì 5 marzo 2009 per la durata dell’intero pomeriggio, con inizio alle ore 14.30, presso la sala conferenze G.A.M. in corso Galileo Ferraris, 30 Torino, la FISAC/CGIL di Torino ha indetto un’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori di Torino e Provincia con all’ordine del giorno “Crisi economica e Accordo separato del 22 gennaio 2009 sul modello contrattuale“. All’assemblea parteciperà Graziella Rogolino, della Segreteria Nazionale della FISAC . L’assemblea è indetta per tutte le Aziende che non abbiano deciso di convocare specifiche assemblee su questo tema.

Print Friendly, PDF & Email

Manifestazione 7 marzo sulla violenza

Appello per la manifestazione del 7 marzo 2009 sulla violenza alle donne: “Uniamoci per costruire e consolidare una nuova solidarietà fra donne, per affermare la nostra libertà e per dire NO a tutte le violenze. Reagiamo contro tutte le violenze degli uomini sulle donne, sia in casa che in strada, sia fisiche che psicologiche. Le violenze degli uomini contro le donne non hanno passaporto: i violenti non hanno nazionalità. Uniamoci per esprimere e far sentire tutta la nostra rabbia contro chi strumentalizza le violenze per incuterci paura. A costoro rispondiamo che l’uso dei militari e delle ronde non affronta né risolve i gravi problemi che stanno alle base di ogni violenza. Per dire No a una società che assume la cultura della violenza come parte intrinseca della vita e ritiene violabili la libertà e i diritti delle donne, delle lesbiche, delle migranti, delle donne con disabilità. ADESSO BASTA. L’antidoto alla violenza non è il controllo ma il rispetto! Sabato 7 marzo 2009 Ore 15. Manifestiamo tutte insieme con un corteo, spettacoli e iniziative artistiche di strada. Portiamo i nostri corpi e le nostre idee, non le bandiere. Appello delle donne riunite in assemblea presso la Casa delle Donne di Torino il 4 febbraio 2009.”

Print Friendly, PDF & Email