Firmato nel Gruppo Sella accordo per l’erogazione del premio Welfare/Vap!

Con non poca fatica, il primo tavolo sindacale (Fisac Cgil Fabi e Uilca) è riuscito, in tempi davvero ristretti (per ottenere le agevolazioni fiscali previste) ad addivenire ad un accordo relativamente al Premio Welfare che sarà pagato con il cedolino del 27 giugno.

La formula degli anni precedenti, nonostante i buoni risultati del Gruppo, stante gli ingenti investimenti effettuati dalla Direzione in questi mesi, portava ad un importo un poco inferiore a quello dello scorso anno. Con una serrata trattativa siamo riusciti a modificare alcune percentuali di calcolo, pur mantenendo inalterata la formula, come da saldo e stralcio, ottenendo quindi un importo lievemente superiore, come riconoscimento del grande lavoro e del grande impegno di tutti i colleghi in questo periodo di intensi cambiamenti organizzativi.

Tra le altre novità, come potete leggere nell’accordo allegato, anche la possibilità di “acquistare”, attraverso il welfare, giornate e mezze giornate di permesso retribuito, esigenza più volte manifestata da parecchi colleghi (ferie… aggiuntive).

Siamo a disposizione per tutti i chiarimenti necessari.

Leggi l’accordo

Print Friendly, PDF & Email

BIM: INCONTRO DEL 14 MAGGIO 2019

Care colleghe, cari colleghi,

in data 14 maggio, in seguito alla proroga di 15 giorni, le scriventi OO.SS. hanno incontrato l’Azienda per il proseguimento della trattativa ex artt. 17 e 20 del CCNL del Credito.

Le nostre posizioni sono distanti da quelle aziendali, ciononostante il confronto continua al fine di raggiungere un accordo di tutela dei colleghi e delle colleghe interessate nei termini previsti dalla procedura.

Il prossimo incontro si terrà il giorno 20 maggio.

Vi terremo informati.

LEGGI IL COMUNICATO CONGIUNTO

Print Friendly, PDF & Email

Permessi per presenze ai Seggi Elettorali

Si avvicina un’importante tornata elettorale nella nostra Regione, infatti il 26 maggio si voterà oltre che per le Elezioni Europee, anche per le Elezioni Regionali e per il rinnovo dei Sindaci e delle Amministrazioni in ben 826 comuni della regione Piemonte. Il turno di ballottaggio nei comuni con oltre 15.000 abitanti (che sono 19) è previsto per il 9 giugno.

Tutti i lavoratori/lavoratrici dipendenti che siano stati nominati scrutatore, segretario, presidente o rappresentante di lista presso i seggi elettorali in occasione di qualsiasi tipo di consultazione hanno diritto di assentarsi dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni. I giorni di assenza sono considerati dalla legge, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa. Ciò significa che i giorni lavorativi passati al seggio vengono retribuiti come se il lavoratore avesse normalmente lavorato.

I giorni festivi e quelli non lavorativi (ad esempio il sabato nella settimana corta) sono recuperati con una giornata di riposo compensativo o compensati con quote giornaliere di retribuzione in aggiunta alla retribuzione normalmente percepita. La rinuncia al riposo deve comunque essere validamente accettata dal lavoratore. In base ai principi in tema di riposo settimanale il riposo compensativo deve essere goduto con immediatezza, cioè subito dopo la fine delle operazioni al seggio.

In base alla sentenza della Cassazione del 19 settembre 2001 n. 11830, anche se l’attività prestata per lo svolgimento delle operazioni elettorali copre una sola parte della giornata, l’assenza è legittimata per tutto il giorno lavorativo che, quindi, deve essere retribuito interamente.

In sintesi:

– le giornate trascorse al seggio, coincidenti con l’orario lavorativo, danno diritto ad una assenza retribuita e al dipendente va corrisposta la normale retribuzione come se avesse lavorato;

– per i giorni festivi, (la domenica) o non lavorativi (il sabato, in caso di settimana corta) il lavoratore ha diritto di usufruire di altrettante giornate di riposo compensativo ovvero di ulteriori quote di retribuzione in aggiunta alla retribuzione mensile;

– operazioni di scrutinio che si protraggono oltre la mezzanotte: nel caso in cui le operazioni elettorali si protraggano, anche solo per poche ore, dopo la mezzanotte del lunedì i lavoratori hanno diritto di assentarsi per l’intera giornata lavorativa del martedì e spetta loro l’intera retribuzione.

Documentazione necessaria da presentare al datore di lavoro

Le assenze per permessi elettorali devono essere giustificate dal lavoratore/lavoratrice mediante la presentazione di idonea documentazione. I lavoratori chiamati al seggio devono anzitutto consegnare al datore di lavoro il certificato di chiamata e successivamente esibire la copia di tale certificato firmata dal Presidente di Seggio, con l’indicazione delle giornate di effettiva presenza al seggio e l’orario di chiusura dello stesso. La documentazione del presidente viene vistata dal vice-presidente del seggio.

La legislazione di riferimento

Legge 29 gennaio 1992, n. 69
Legge 21 marzo 1990, n. 53
Art. 119, D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361

Segreteria Fisac Cgil Torino e Piemonte

Print Friendly, PDF & Email

Corso “Il Dirigente Fisac CGIL e i suoi strumenti di lavoro”

Ad inizio aprile e successivamente nella seconda settimana di maggio, si è tenuto il corso “Il Dirigente Fisac CGIL e i suoi strumenti di lavoro” per 35 nuove compagne e compagni della FISAC Piemonte.

Grande soddisfazione, sia da parte del Dipartimento Formazione che della Segreteria, nel vedere una così numerosa ed interessata partecipazione ad un corso di base.

Queste giornate hanno certamente rappresentato un incoraggiante segnale di rinnovamento della nostra organizzazione, oltre che un passo importante nella direzione di una lavoro più consapevole ed informato per tutti coloro che vi hanno partecipato.

Sono in fase di programmazione altre iniziative di formazione in aula per le compagne ed i compagni della FISAC Piemonte.

Sarà nostra cura tenervi aggiornati.

Un caro saluto a tutte e a tutti (ed un sentito ringraziamento a Marco Cattaneo).

Print Friendly, PDF & Email

BIM: AGGIORNAMENTO SUL TERZO INCONTRO

Si è tenuto ieri il terzo incontro con l’azienda relativo a procedure ex art. 17 e 20 CCNL che hanno quantificato in 80 amministrativi gli esuberi tra sede Torino e Milano e filiali. La giornata di ieri ci ha visti particolarmente impegnati in un’analisi dettagliata e concreta degli strumenti previsti dal nostro CCNL con l’obiettivo di tutelare al massimo l’occupazione.

LEGGI IL COMUNICATO

Print Friendly, PDF & Email

Il valore di un SI! Anzi, del 75% di SI!

Rimandando alla lettura del nostro precedente comunicato a firma Fabi – Fisac Cgil – Uilca per i contenuti dell’accordo di cessione STS, in questo comunicato sindacale vogliamo aggiornarvi rispetto alla fase che il Gruppo Sella affronterà nei prossimi mesi alla luce del nuovo assetto aziendale.

La procedura di cessione si è chiusa, secondo i tempi previsti dal CCNL, il 27 febbraio, dopo una sofferta trattativa e un accordo che aveva recepito alcune delle nostre richieste più importanti. Al tavolo le OOSS avevano pareri discordanti e l’azienda, pur dichiarando chiusa la procedura, ha preso atto della nostra necessità di confrontarci con i colleghi in assemblea prima di apporre una eventuale firma all’accordo (quindi ha sospeso i tempi tecnici per una firma successiva).

Abbiamo quindi convocato quattro assemblee unitarie il 6 marzo per una consultazione democratica che lasciasse ai colleghi, che noi rappresentiamo, la decisione finale.

La platea coinvolta ha votato “Sì” nella misura del 75%, una percentuale netta che ci ha vincolati democraticamente.

Il nostro è un ruolo di rappresentanza, non possiamo prescindere dalla volontà delle colleghe e dei colleghi: per questo motivo vengono fatte le assemblee, si contano i voti e in base ai risultati si decide.

E IN QUESTO CASO I COLLEGHI HANNO VOTATO

SI!

Convocati dalla delegazione aziendale il 1° aprile, nel rispetto del risultato assembleare, le tre sigle sindacali scriventi, dopo aver apportato ulteriori modifiche al testo, hanno sottoscritto l’accordo, garantendo in questo modo le tutele in esso contenute. La First Cisl non lo ha fatto e questo porta ad una situazione di tavoli separati e di indebolimento complessivo dell’azione sindacale.

Ci sono in agenda trattative importanti, a partire dal Vap e dall’organizzazione del lavoro, e non possiamo bloccare l’attività sindacale in un gruppo così in trasformazione dove è essenziale il nostro ruolo di tutela dei lavoratori, pertanto a partire dai prossimi incontri saremo convocati unitariamente come primo tavolo (Fabi Fisac Cgil – Uilca) e successivamente l’azienda convocherà la First Cisl.

Naturalmente auspichiamo che si tratti di una situazione temporanea perché l’unità sindacale per noi è un valore importante così come la democrazia e le regole della rappresentanza.

Vi terremo costantemente aggiornati rispetto ai prossimi incontri aziendali.

Leggi il comunicato

Print Friendly, PDF & Email

ASSEMBLEA DI PIAZZA

Negli ultimi giorni nel nostro territorio è iniziato il percorso per il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore creditizio e finanziario.

L’assemblea Generale della Fisac CGIL Piemonte si è riunita per discutere la piattaforma, con la partecipazione del Segretario Generale Giuliano Calcagni.

Presso i locali del Collegio San Giuseppe a Torino è si è inoltre tenuta la prima assemblea in cui è stata illustrata ai lavoratori la piattaforma.

L’assemblea è stata molto partecipata. Alla presenza di 417 colleghe e colleghi del settore, le rappresentanze sindacali unitarie hanno posto in essere la votazione riguardante i contenuti della piattaforma, ottenendo un mandato a trattare unanime. Il voto si è infatti concluso con 0 astenuti, 0 contrari, 417 favorevoli.

Vi terremo puntualmente informati sugli sviluppi del confronto.

Leggi il volantino

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Banca del Piemonte: accordi su MOBILITA’ TERRITORIALE – CONCILIAZIONE TEMPI VITA E LAVORO – FORMAZIONE AGILE – LAVORO AGILE

Lo scorso 26 marzo si è conclusa in Banca del Piemonte una lunga fase di incontri con l’Azienda che ha portato alla firma di quattro importanti accordi in materia di mobilità territoriale, di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, di smart working e smart learning.

Esprimiamo soddisfazione per gli accordi sottoscritti che contengono elementi significativi e qualificanti nell’ambito della contrattazione di secondo livello di settore:
 
– sul tema conciliazione tempi di vita e di lavoro: possibilità di 5 giornate di sospensione attività lavorativa aggiuntive alle ferie, retribuite al 45% 
– sul tema formazione: formazione agile con dotazione di un tablet per filiale e possibilità di fruire da casa o da postazione dedicata in orario di lavoro della formazione on-line. 

La trattativa è stata impegnativa ma registriamo con soddisfazione una buona qualità delle Relazioni Industriali in Banca del Piemonte.

Leggi il comunicato Unitario

accordo mobilità territoriale

accordo conciliazione tempi di vita e di lavoro

accordo lavoro agile

accordo formazione agile

Print Friendly, PDF & Email