AGGIORNAMENTO EMERGENZA CORONAVIRUS: SOSPENSIONE ASSEMBLEE

In conseguenza degli ultimi aggiornamenti rispetto alla diffusione del Covid-19 i Segretari Generali delle Organizzazioni Sindacali di settore nel recepire le ordinanze territoriali regionali emanate di concerto con l ‘unità di crisi del Ministero della Salute estendono la sospensione delle Assemblee per la votazione dell’ipotesi in rinnovo del Ccnl ABI anche alle regioni Emilia Romagna e Piemonte.

I Segretari Generali

Print Friendly, PDF & Email

Solidarietà per Marcello Segre

Le Segreterie Provinciali e Regionali di Fabi, Fisac Cgil, First Cisl, Uilca e
Unisin esprimono solidarietà a Marcello Segre e grande
preoccupazione per l’ondata di odio e razzismo che in tutto il Paese
non accenna ad arrestarsi.
Marcello, da sempre impegnato nel sociale e nell’attività sindacale, è
stato vittima di un gesto terribile: sulla sua porta di casa ha trovato una
stella di David e la scritta antisemita.
Siamo tutti vicini a Marcello, uno di noi, al quale esprimiamo la
massima solidarietà.
Ringraziamo per l’operato delle forze dell’ordine e confidiamo che si
trovino al più presto i responsabili sia di questo episodio che degli
episodi avvenuti nelle ultime settimane.
A Torino il sindacato unitariamente si è mobilitato dopo questi
accadimenti: un presidio il 28 gennaio in Piazza Gran Madre ed il
presidio di sabato scorso in Piazza Carignano.

Torino, 11 febbraio 2020

FABI – FIRST / CISL – FISAC / CGIL – UILCA – UNISIN

Leggi il comunicato

Print Friendly, PDF & Email

CONGRESSO FISAC BNL

A cura di salvatore Taormina

Si sono riuniti a Tivoli (Roma) dal 28 al 30 gennaio i Delegati al Congresso nazionale Fisac della Bnl provenienti da tutta Italia. Per il Piemonte sono intervenuti Gianni Bertona (che è stato riconfermato come membro del Direttivo Nazionale) e Piero Tatoli. Per la Segreteria Nazionale sono  stati riconfermati Alfonso Airaghi (Segretario Nazionale) e i Segretari  Esposito Gianfranco e Sciumbata Salvatore mentre al posto di Carla Zevini e Untolini Bocci Daniela (da oggi in pensione) che ringraziamo per il prezioso lavoro svolto fino a oggi sono stati eletti Frezza Angela e Marchini Laura a cui facciamo gli auguri di buon lavoro. Al .C.A.E. (il Comitato Europeo) è invece stato eletto Carra Stefano, anche a lui i nostri migliori auguri.

 

Print Friendly, PDF & Email

Firmata l’ipotesi d’intesa per il rinnovo dell CCNL ABI

Milano, 19 dic – «Nell’ambito della sottoscrizione in rinnovo del contratto nazionale del credito, sindacato e Abi hanno sottoscritto una dichiarazione congiunta che nel recepire il percorso giurisprudenziale di merito e legittimità rispetto agli effetti del jobs act, invita Governo e Parlamento a un intervento di legiferazione in riforma rispetto al diritto alla reintegra». Lo annuncia il segretario generale della Fisac-Cgil, Giuliano Calcagni. Si tratta, aggiunge, di «un primo e importante passo per il ripristino dell’articolo 18 a tutela di tutte le lavoratrici e i lavoratori».

Intervista a Giuliano Calcagni

Il Punto del Segretario Generale

Presentazione CCNL ABI 2019

CCNL ipotesi di accordo

 

Print Friendly, PDF & Email

BIM: CHIUSURA DEFINITIVA PROCEDURA

Care colleghe, cari colleghi,

il presente comunicato ha volutamente un tono “neutro” perché riteniamo drammatica l’uscita di 130 persone in aggiunta a tutte le fuoriuscite degli ultimi mesi. Abbiamo comunque il dovere di informare e accompagnare i colleghi coinvolti nei prossimi passaggi operativi.

Oggi si è svolto l’incontro di verifica come previsto dal punto 8 dell’ipotesi di accordo di chiusura della procedura ex artt.17, 20 e 21 del CCNL del 27/11/2019, ratificato dall’Assemblea dei Lavoratori in data 2 dicembre 2019.

La banca ha dichiarato che le richieste di adesione pervenute sono state 130 e che accoglierà tutte quelle relative al personale in forza alla data odierna.
In parziale deroga all’accordo, l’azienda non eserciterà la prevista facoltà di bloccare o respingere nel limite di 10 le adesioni ricevute. Al fine di consentire il passaggio di consegne, per 16 colleghi che hanno aderito all’opzione B) dell’accordo, la data di uscita sarà così posticipata:

– 1 collega entro il 31/01/2020;
– 9 colleghi entro il 29/02/2020;
– 6 colleghi entro il 30/04/2020.

I suddetti colleghi manterranno le attuali mansioni e sede di lavoro.

Le conciliazioni avverranno a Milano rispettivamente:

  • in data 20/12/2019 presso l’ABI, in Via Locatelli,1 per le opzioni A) e C);
  • in data 23/12/2019 presso la sede BIM di Milano in Via Meravigli, 4 per l’opzione B).

Le spese di trasferta per raggiungere Milano saranno a carico dell’azienda (ciascun dipendente dovrà provvedere alla prenotazione del biglietto tramite procedura BIZTRAVEL).

A coloro che hanno aderito all’opzione B) e che sono intestatari di un mutuo presso BIM, saranno mantenute le attuali condizioni di mutuo e di c/c per tutta la durata di permanenza nel fondo emergenziale + FOC.

L’azienda fornirà tutti i dettagli tramite opportuna comunicazione, sia per ciò che concerne l’iter procedurale, sia per quanto riguarda le spettanze economiche (il verbale di conciliazione verrà anticipato entro domani e riporterà per ciascuno i conteggi riferiti alla propria posizione).

Come organizzazioni sindacali restiamo a disposizione. Seguiranno nostre successive comunicazioni operative, soprattutto per quanto concerne la richiesta della NASPI.

Rappresentanti Sindacali Aziendali del Gruppo Bim Fabi e Fisac/Cgil
Le strutture territoriali FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA, UNISIN

LEGGI IL COMUNICATO

Print Friendly, PDF & Email

VERSO IL NUOVO COORDINAMENTO DONNE NAZIONALE DELLA FISAC – ASSEMBLEA REGIONALE DELLE DELEGATE

Care compagne e cari compagni,

nel corso del Coordinamento Donne nazionale dello scorso 17 Settembre ha preso avvio il percorso che porterà nel prossimo mese di Gennaio alla elezione del nuovo Coordinamento Donne Nazionale della Fisac CGIL
Come da dispositivo approvato in quella sede,  la platea dell’Assemblea Nazionale delle Delegate  sarà formata da componenti di diritto – tutte le donne presenti nell’Assemblea Generale Nazionale-  con l’aggiunta di un pari numero di delegate elette nelle Assemblee Regionali delle Delegate.
 Il 4 Dicembre si è tenuta  l’Assemblea Regionale delle Delegate che ha eletto le 6 compagne che rappresenteranno il Piemonte insieme alle 6 compagne presenti nell’Assemblea Nazionale Generale Fisac.

 
Le 12 delegate piemontesi sono:
– delegate di diritto: Cinzia Borgia, Daniela Ferruta, Simona Ponzano, Rosella Pasquali, Anna Andreoni e Daniela Emiliani
– delegate elette: Gloria Pecoraro, Simona Ricci, Marta Cimino, Anna Fiorella, Stefania Frigerio, Maria Falcitelli
 
COORDINAMENTO DONNE FISAC CGIL  PIEMONTE
Print Friendly, PDF & Email

MONTE PEGNI TORINO: NONOSTANTE IL DISINTERESSE AZIENDALE, I COLLEGHI NON SONO NE’ SOLI, NE’ RASSEGNATI

Lunedì 18 novembre abbiamo appreso da un comunicato stampa di Banca Sistema che Intesa Sanpaolo aveva concluso un accordo di cessione del Ramo di Impresa del Credito su Pegno. Al di là della surreale modalità attraverso la quale colleghi e sindacato sono venuti a conoscenza della vicenda, la FISAC di questo territorio ha immediatamente iniziato a raccogliere e mettere in ordine le informazioni necessarie ad avviare la gestione di questo processo. Nello specifico abbiamo:
– censito le posizioni professionali presenti al Monte Pegni di Torino, iniziando anche a raccogliere le specificità individuali;
– raccolto le informazioni numeriche sull’insieme dei Monte Pegni presenti in azienda;
– preso contatto con le organizzazioni sindacali delle aziende che avevano ceduto il settore Pegni nell’ambito dell’anno scorso (Credito Valtellinese e Unicredit) per verificare in quali condizioni si fosse svolta la cessione e come fosse stata gestita sindacalmente;
– studiato la storia operativa e la composizione azionaria di Banca Sistema, nonché abbiamo iniziato a informarci sulle condizioni contrattuali applicate in quella azienda;
– coinvolto i nostri consulenti legali per avviare gli approfondimenti del caso;
– raccolto informazioni sui tempi entro cui l’operazione sarò perfezionata.
La settimana scorsa abbiamo iniziato ad incontrare i colleghi del Monte Pegni, per condividere con chi di loro fosse interessato le informazioni raccolte e soprattutto definire una linea comune che – partendo dalle loro preoccupazioni ed esigenze concrete – possa essere alla base delle richieste che saranno avanzate nella trattativa unitaria che sarà svolta ai sensi delle procedure previste dal CCNL. Tra i temi emersi con maggior forza ci sono: le Garanzie occupazionali, la Previdenza Integrativa, l’Assistenza sanitaria, le Condizioni agevolate, la Mobilità, lo Sviluppo professionale, il Sistema di Conciliazione Vita – Lavoro. Nei prossimi giorni continueremo ad incontrare i colleghi, per affinare i temi i discussione e aggiornare le informazioni via via disponibili. La nostra RSA del Monte Pegni – collega in servizio in quella realtà che quindi condivide in prima persona la quotidianità del lavoro e le preoccupazioni per la fase in corso, ma anche sindacalista esperta e con specifiche competenze negoziali – sarà un importante punto di riferimento. Vogliamo infine stigmatizzare il comportamento aziendale tenuto finora nella gestione di questa vicenda.
– La decisione di cedere il settore del Credito su Pegno è una scelta assolutamente non condivisibile: mette fuori dall’azienda una importante fonte di utili, dimostra quale sia il vero interesse (leggasi nessuno) della banca per le fasce di popolazione più in difficoltà, cancella con un semplice atto notarile tutta la propria storia, dimenticandosi da dove ha avuto origine fin dal 1563.
– L’assenza di una comunicazione strutturata e formale ai colleghi da parte di Intesa Sanpaolo sulla decisione di vendere il Credito su Pegno, nel mentre l’acquirente comunicava l’acquisizione attraverso un comunicato stampa denota quantomeno sottovalutazione e approssimazione.
– Il fatto che tuttora – a distanza di due settimane dall’annuncio dell’operazione di cessione – nessun rappresentante aziendale di nessun livello abbia deciso di “metterci la faccia” e incontrare i colleghi del Monte Pegni per fare un punto dimostra sconsolante disinteresse e lontananza. Confidiamo che questa distanza venga colmata al più presto.
Tutta questa vicenda è partita molto male e a quanto pare stenta a raddrizzarsi. Nonostante questo, e nonostante le ovvie preoccupazioni, i colleghi del Monte Pegni sono orgogliosi del loro lavoro e della loro professionalità e sono determinati a organizzarsi e battersi per difendere i propri diritti e le proprie certezze. Noi siamo convintamente e senza tentennamenti o furbizie di bottega al fianco di tutti loro.

Torino, 2 dicembre 2019

     RSA FISAC/CGIL                  
MONTE PEGNI TORINO         
    INTESA SANPAOLO          
        AREA TORINO                                   

 COORDINATORI FISAC/CGIL
          AREA TORINO 
       INTESA SANPAOLO

  SEGRETERIA FISAC/CGIL
      TORINO E PIEMONTE   

 

MONTE PEGNI

Print Friendly, PDF & Email

1969-2019

1969: autunno caldo. Alla Fiat Mirafiori di Torino iniziano le agitazioni operaie che segneranno la storia della lotta operaia e che culmineranno nella conquista dello Statuto dei lavoratori. Questo grande movimento sociale avrà termine il 14 ottobre del 1980 quando la cosiddetta marcia dei quarantamila porterà alla resa del sindacato e alla chiusura di una stagione di grandi speranze collettive e di lotte sociali.
 A 50 anni dall’autunno caldo cosa rimane di quelle lotte alle nuove generazioni di lavoratori? Una memoria da coltivare e da trasmettere che come un passaggio di testimone consegni alle nuove generazioni prospettive di lotta per i propri diritti ridotti sempre di più all’osso. 
Questo documentario vuole raccontare e condividere la memoria di quelle persone che credettero e si impegnarono nell’ideale di una società migliore in cui la classe operaia potesse trovare il suo giusto riconoscimento sociale e politico; persone che ai tempi tra loro si chiamavano semplicemente compagni.
 
Durante la serata sarà presentato il progetto e proiettata una “demo” del documentario ancora in fase di lavorazione
 
Centro Studi Sereno Regis – Via Garibaldi 13, Torino
4 dicembre 2019 – ore 21
Ingresso libero
Print Friendly, PDF & Email