2^ tranche di Aumenti CCNL ABI dal 1° ottobre

A partire da questo mese vedremo i nuovi effetti economici del contratto nazionale ABI rinnovato a marzo 2015. 

Nella busta paga di fine ottobre troveremo, infatti, il secondo dei 3 aumenti (il prossimo, di pari importo, sarà a ottobre del 2018) “conquistati” con la lunga trattativa durata quasi 2 anni e che ha visto, fra l’altro, tutta la categoria scioperare a ottobre 2013 e a gennaio 2015.

Nella tabella, che potete scaricare, riportiamo per i diversi livelli di inquadramento:
– l’ammontare dello stipendio in vigore fino al 30 settembre 2017;
– il valore del prossimo incremento;
– il nuovo valore della voce stipendio a partire dal 1° ottobre.

Tabella aumenti CCNL ABI dec. 1 ottobre

In arrivo la I tranche di aumenti… con decorrenza 1° ottobre 2016

ccnl
Dal 1° di ottobre decorre la prima tranche di aumenti del rinnovo del CCNL ABI 31/3/2015 pari a euro 25,00 per la figura media 3A4L!

Tale importo viene riparametrato anche per il livello retributivo di inserimento professionale .

Ecco le tabelle economiche con gli importi retributivi aggiornati.

 tabelle economiche aumenti ccnl abi 31-3-2015

UNIPOLSAI: altissima adesione per lo sciopero

UNIPOLSAI PRESIDIO 28-4Il Segretario Nazionale della Fisac Cgil Luca Esposito, commentando la grande giornata di mobilitazione nel Gruppo Unipolsai, respinge le scelte unilaterali dell’azienda.

Le lavoratrici ed i lavoratori del Gruppo vogliono il contratto aziendale armonizzato e la Fisac Cgil si batterà a fianco dei lavoratori per la difesa del loro buon diritto.

In sintonia con la storia e le tradizioni democratiche che da sempre caratterizzano il nostro sindacato, la Fisac Cgil ritiene che debba essere aperta unitariamente una fase di informativa sui risultati raggiunti che termini con la consultazione referendaria dei lavoratori e con un mandato vincolante alle organizzazioni sindacali, con l’obiettivo di far recedere Unipolsai dalle sue posizioni.

Riportiamo anche il comunicato di ieri a cura della Segreteria Nazionale che ripercorre le tappe della trattativa sull’armonizzazione dei CIA in un unico CIA di Gruppo e, vista la posizione aziendale, annunciava la mobilitazione:

COMUNICATO 27 APRILE VERTENZA UNIPOLSAI

PETIZIONE ‘GIU’ LE MANI DALLE DONNE’

PETIZIONE ‘GIU’ LE MANI DALLE DONNE’

Il caso della sentenza nei confronti dell’ex Direttore dell’Agenzia delle Entrate Palermo 1, denunciato per molestie e assolto perché considerato immaturo e operante in un clima scherzoso, ha sollevato e continua a sollevare sdegno nell’opinione pubblica, soprattutto in quella femminile. Proprio una donna, Laura Onofri, Presidente della Commissione Diritti e Pari Opportunità del Comune di Torino, ha lanciato una petizione rivolta alla Politica e alle Istituzioni per una giustizia vera, per delle buone prassi che producano una convivenza laica e civile, a garanzia della libertà e inviolabilità del corpo delle donne e dell’esigibilità dei diritti, nel rispetto della Costituzione e delle leggi, chiedendo anche punizioni severe per coloro che usano il potere gerarchico per assoggettare le lavoratrici. Il Direttivo e la Segreteria Nazionale della Fisac CGIL hanno già assunto l’Ordine Del Giorno, presentato dal Coordinamento Donne, che impegna l’Organizzazione a esigere dalle Aziende il rispetto dell’Accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro e a renderlo operativo senza lasciare spazio a interpretazioni giustificatorie che non tengano conto dei soggetti che subiscono la molestia. Vi chiediamo ora di proseguire in questa direzione, contribuendo a dare rilevanza alla campagna della Onofri, sostenuta anche dalla CGIL.

Firmate la petizione e aiutateci a diffonderla. Noi l’abbiamo fatto!

FIRMA LA PETIZIONE! CLICCA QUI!

29 Febbraio 2016

ESECUTIVO DONNE FISAC

COMUNICATO STAMPA DEI SEGRETARI GENERALI

Per vimegalesualizzare il comunicato stampa dei Segretari Generali

Ognuno si assuma la propria responsabilità per salvaguardare i dipendenti e tutto il sistema bancario italiano”

potete cliccare qui sotto:

COMUNICATO STAMPA

NOVITA’ POSITIVE PER LE CONVOCAZIONI DELLE ASSEMBLEE DEL PERSONALE

Nella serata del 25 novembre è stato raggiunto l’accordo tra Segreterie Nazionali e ABI sulle “libertà sindacali”: siamo a segnalare l’importante miglioramento della normativa rispetto alle possibilità di partecipazione alle assemblee del personale dei colleghi che operano nelle filiali di piccolissime dimensioni, che in molte realtà sono in forte aumento.

In particolare nelle filiali sotto  le tre unità sarà possibile partecipare alle assemblee convocate nelle filiali più vicine, per un massimo di 5 ore annue per due volte in ragione di anno senza assicurare l’operatività dello sportello.

Per le filiali ove lo sportello si protragga oltre le ore 17 in applicazione dell’art.103 del ccnl 19 gennaio 2012, rinnovato con l’accordo del 31 marzo 2015, si potrà derogare  fermo restando quanto previsto dall’art 26 del protocollo sulle libertà sindacali, fatta eccezione per la durata minima dell’assemblea (una ora) a condizione che sia assicurata l’operatività della filiale interessata.

FIRMATO L’ACCORDO PER IL RECUPERO DELL’8% SULLE RETRIBUZIONI DEI GIOVANI

FOC 10 per cento 2015

Nella giornata del 25 novembre si è raggiunta l’intesa che riguarda il FOC (Fondo per l’Occupazione) che formalizza l’aumento per i giovani, assunti dal 19 gennaio 2012 al 31 marzo 2015, di euro 175 per tredici mensilità il differenziale tra la penalizzazione economica in ingresso del 18% prevista dal CCNL 2012 e ciò che si è stabilito con il rinnovo del CCNL del 31 marzo 2015 in sostanza circa l’8% di incremento retributivo.

Tale incremento sarà erogato sotto la voce “Integrazione ex F.O.C.” dal 1 gennaio 2016 e compete dal 1 aprile 2015 fino al termine del periodo di corresponsione del livello retributivo di inserimento professionale.

Il tutto partirà con l’erogazione dello stipendio di gennaio 2016 (sia i 175 euro del mese di gennaio sia gli arretrati del periodo 1 aprile 2015 – 31 dicembre 2015).

accordo FOC integrazione stipendio giovani 25-11-2015

Credito malato: il confronto tra Megale, Segretario Generale FISAC, esponenti sindacali aziendali e docenti universitari

Megale-Radio-Articolo-1-300x170Oggi Radio Articolo 1 ha dedicato la striscia di approfondimento quotidiana di Elle Radio al mondo del credito.  Dopo i recenti scandali di Unicredit e Banca Popolare di Spoleto uno sguardo da vicino al settore bancario italiano stretto fra crisi economica, sofferenze, vincoli europei, etica e moralità, aggregazioni ed altro ancora. In studio A. Megale, Fisac Cgil. Con I. Caporaletti delegata Bps; M. Salvi, delegato e coordinatore Fisac Unicredit; L. Becchetti, docente di Economia politica Università Tor Vergata; U. Biggeri, presidente di Banca Etica.

Clicca qui per ascoltare il confronto.

Lodesani è il nuovo Responsabile del CASL ABI. Megale: l’occupazione continua ad essere la priorità

megaleNell’augurare buon lavoro al nuovo responsabile degli affari sindacali di Abi, Omar Lodesani, che sostituisce Alessandro Profumo, voglio evidenziare quanto la difesa dell’occupazione continui a rappresentare il vero valore aggiunto per un sistema di relazioni industriali che è stato capace di riconquistare dopo un duro conflitto il contratto nazionale di lavoro”. Lo afferma il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale.
Inoltre, aggiunge Megale, “proprio nel gruppo di Intesa San Paolo, da cui proviene lo stesso Lodesani, si è appena raggiunto un buon accordo di secondo livello, nel pieno rispetto del contratto nazionale di lavoro”.

CLICK QUI PER LA DICHIARAZIONE COMPLETA DI AGOSTINO MEGALE

Sul sito della FISAC Nazionale gli atti dei lavori del Direttivo

10347966833_f0d1fe1e6aLa FISAC Nazionale mette a disposizione su una pagina dedicata (click qui) gli atti dei lavori del proprio Direttivo. Vi segnaliamo in particolare il dispositivo finale dell’ultimo direttivo nazionale del 1 e 2 ottobre sulla Contrattazione di Secondo Livello (click qui)