GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

MANIFESTO CGIL                                                                                                                                                                                                                                                                               Il 25 Novembre è la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Ogni 2 giorni una donna viene uccisa da un uomo:

cosa si sta facendo per evitare che accada?

Dove possono rivolgersi le donne che subiscono violenza?

Riflettendo su questi argomenti, il Coordinamento Donne Fisac CGIL Piemonte ha deciso di dedicare il proprio contributo intervistando la Coordinatrice del Centro Antiviolenza del Comune di Torino che ci ha illustrato la storia del Centro, i servizi messi a disposizione delle donne, l’impegno ma anche le difficoltà che incontrano nel loro agire quotidiano.

Poiché alla base della violenza contro le donne c’è la mancanza di rispetto che molti uomini (troppi) hanno nei confronti del genere femminile, il Coordinamento ha realizzato un piccolo video su questo tema, prendendo spunto da una famosissima canzone.

Vi invitiamo quindi alla lettura e alla visione del lavoro che le Donne della Fisac CGIL del Piemonte mettono a disposizione di tutte e di tutti.

Le azioni positive – Intervista alla Coordinatrice del Centro Antiviolenza del Comune di Torino

  • video a cura delle DONNE FISAC PIEMONTE

BUONA RIFLESSIONE

COORDINAMENTO DONNE FISAC CGIL PIEMONTE

PAGAMENTO SALDO TASI E IMU 2015

locandine-italiote-la-casa1

Il 16 dicembre, ultimo giorno utile per il pagamento del saldo di TASI e IMU, si avvicina.

A partire dal 23 novembre e fino al 10 dicembre, gli iscritti Fisac CGIL di Torino e Provincia potranno avvalersi del calcolo di queste imposte con il servizio CAAF CGIL.

COSTO DEL SERVIZIO

Coloro che a giugno si sono già avvalsi del nostro servizio NON DOVRANNO VERSARE PIU’ NULLA.

A coloro che invece non si sono avvalsi a giugno del servizio verrà applicata la seguente tariffa:

  •  8,00 per gli iscritti CGIL;
  • 13,00 per i non iscritti

Il pagamento del servizio deve avvenire attraverso bonifico bancario al seguente c/c/c:

intestazione:         ATTIVA SERVIZI CGIL SRL
IBAN:                      IT91R0312701024000000000610 (UNIPOL BANCA SPA. AG 16 TORINO VIA P.D’ACAJA, 65)
causale:                 SERVIZIO CALCOLO TASI/IMU
DOCUMENTI NECESSARI PER IL CALCOLO:
per chi a giugno si era rivolto a noi per il calcolo dell’acconto:
– copia della ricevuta di pagamento del mod F24 scadenza 16/06/2015.
  E’ indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato effettuato   il pagamento;
– indicare eventuali variazioni intervenute (a titolo di esempio: data di eventuale vendita dell’immobile successiva al 16/06/2015; nascita figli dopo il 16/06/2015, etc);
– Se si è acquistato un nuovo immobile:
      * visura catastale non anteriore al 2001,
      * codice fiscale,
      * indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;
      * indicazione del numero di figli conviventi di età inferiore a 26 anni (solo per Tasi);
      * data di acquisto dell’immobile
per chi non si avvalso del nostro servizio a giugno:
      * visura catastale non anteriore al 2001,
      * codice fiscale,
      * indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;
      * indicazione del numero di figli conviventi di età inferiore a 26 anni (solo per Tasi);
      * copia della ricevuta di pagamento del mod F24 scadenza 16/06/2015.
        E’   indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato                      effettuato il pagamento;
      * copia del bonifico di pagamento della relativa tariffa.
Modalità del servizio
E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre giovedì 10 dicembre  tramite posta elettronica al seguente indirizzo:
730fisac@gmail.com. Nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento.
 Di seguito vi forniamo il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo.
DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

 

 

MODELLO UNICO

MODELLO UNICO

 

 

Da oggi, fino al 28 luglio, parte il periodo per la compilazione del modello unico, per gli iscritti FISAC CGIL di Torino e Provincia.

CHI DEVE COMPILARE IL MODELLO UNICO?

1) Coloro che hanno una CASA DI PROPRIETA’ ALL’ESTERO: la compilazione è obbligatoria e comporta il pagamento di una imposta patrimoniale. La mancata presentazione dello stesso può comportare pesanti sanzioni (fino ad arrivare al sequestro dell’immobile).

DOCUMENTI NECESSARI:

– fotocopia atto di acquisto (se il costo dell’immobile è indicato in una valuta diversa rispetto all’euro è necessario indicare in tasso di cambio relativo). Anche se lo scorso anno ci si è avvalsi del servizio del nostro Caaf, la presentazione di questo documento è obbligatoria;

– carta d’identità e codice fiscale di tutti i proprietari dell’immobile di cui si richiede la compilazione;

  • copia versamento imposta sugli immobili pagata all’estero (fronte e retro poiché in alcuni paesi nel retro c’è l’indicazione di alcuni importanti dati);
  • copia MOD RW UNICO compilato lo scorso anno.

Costo per la compilazione 12 Euro, il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Unico”

2) Chi ha un CONTO CORRENTE ALL’ESTERO.

Anche in questo caso è prevista una imposta patrimoniale e la mancata presentazione del modello unico può comportare il sequestro del c/c in oggetto.

DOCUMENTI NECESSARI:

  • documento e codice fiscale degli intestatari del conto;
  • estratti c/c di tutto l’anno con eventuali interessi.

Costo per la compilazione 12 Euro, il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Unico”

3) Altre ragioni. Alcuni esempi:

– DECESSO di un FAMILIARE di cui si è eredi;

DOCUMENTI NECESSARI:

  • stessa documentazione prevista per il 730;
  • copia della successione;
  • CU Inps del deceduto (il Caaf NON è abilitato alla stampa delle CU INPS);
  • carta d’identità e codice fiscale del deceduto e di uno degli eredi;
  • copia del certificato di morte.
  • CHI NON HA SOSTITUTO D’IMPOSTA (ES: coloro che sono nel fondo di sostegno del reddito e non hanno un coniuge con sostituto d’imposta)

DOCUMENTI NECESSARI:

    • stessa documentazione prevista per il 730

Il costo per la compilazione varia a seconda del reddito percepito con tariffe dai 22 ai 40 euro, il pagamento della tariffa prevista deve avvenire tramite bonifico sul conto corrente intestato a ATTIVA SERVIZI CGIL SRL codice iban IT91R0312701024000000000610 Unipol Banca, causale “tariffa modello Unico”.

 

La documentazione deve essere inoltrata all’indirizzo mail 730fisac@gmail.com entro e non oltre il 28 luglio.

PAGAMENTO ACCONTO TASI E IMU

CASA LEGO

 

Il prossimo 16 giugno sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento dell’acconto di TASI e IMU.

 

IMPORTANTE: l’importo della rata in scadenza a giugno corrisponde alla metà di quanto versato nel corso del 2014 quindi, SE NON SONO INTERVENUTE VARIAZIONI , vi suggeriamo, per effettuare il pagamento, di prendere le ricevute dello scorso fare la somma, dividere il risultato per due:la cifra ottenuta corrisponde a quanto si dovrà pagare entro il 16 giugno.

E’anche possibile effettuare il calcolo dell’imposta attraverso il seguente sito internet http://www.amministrazionicomunali.it/imu/calcolo_imu.php: inserendo i pochi dati richiesti si può ottenere il calcolo dell’imposta e la stampa del mod f24 utile per il pagamento, nel giro di pochi minuti.

Molti Comuni hanno inoltre messo a disposizione uffici appositi che si occuperanno del calcolo di Tasi e Imu, fornendo un servizio gratuito.

Gli iscritti Fisac CGIL di Torino e Provincia che desiderassero invece avvalersi del servizio di calcolo del CAAF CGIL, dovranno far pervenire la documentazione necessaria inderogabilmente entro e non oltre venerdì 29 maggio.

Costo del servizio:

8,00 euro per gli iscritti CGIL;

*13,00 per i non iscritti CGIL;

Il pagamento del servizio dovrà avvenire attraverso bonifico al seguente c/c/c bancario:

FISAC CGIL

Codice IBAN: IT65H0200801137000002350874

Causale: servizio calcolo TASI/IMU

Documenti necessari per il calcolo:
visura catastale non anteriore al 2001;

*  codice fiscale;

*  indicazione della percentuale di possesso dell’immobile;

*  indicazione del numero di eventuali figli di età inferiore a 26 anni compresi nel nucleo familiare;

* copia ricevuta del bonifico di pagamento della tariffa per il servizio di calcolo .

 

Modalità di esecuzione del servizio:

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti inderogabilmente entro e non oltre venerdì 29 maggio tramite posta elettronica al seguente indirizzo: 730fisac@gmail.com; nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite e-mail) il modello f24 utile per il pagamento.

 

DIPARTIMENTO  FISCALE  FISAC  CGIL  TORINO  E  PIEMONTE

 

 

19 marzo 2015 – APPALTI: GIORNATA NAZIONALE RACCOLTA FIRME

APPALTOLa CGIL promuove una proposta di legge di iniziativa popolare in materia di garanzia dei trattamenti dei lavoratori impiegati nelle filiere degli appalti privati e pubblici, per tutelare l’occupazione nei cambi di appalto, per contrastare le pratiche di concorrenza sleale tra le imprese.

Il 19 marzo è stata indetta la giornata nazionale di raccolta firme a sostegno della campagna sulla Legge di iniziativa popolare sugli Appalti.

La Fisac di Torino sarà presente in piazza S.Carlo dalle ore 12,30 alle 14,30 distribuendo volantini e raccogliendo le firme.

Vi aspettiamo numerosi!

 

FISAC CGIL TORINO E PIEMONTE

 

 

NUOVA ISEE: DAL 2015 CAMBIANO LE MODALITA’ DI COMPILAZIONE

ISEECon l’inizio del nuovo anno ha preso il via la Riforma dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), necessario per accedere a prestazioni sociali e servizi di pubblica utilità a condizioni agevolate.

La nuova certificazione DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) prevede la riduzione dei dati AUTODICHIARATI dal cittadino e la compilazione di diversi moduli a seconda della prestazione richiesta e delle caratteristiche del nucleo familiare.

Dopo molte vicissitudini sono state finalmente firmate le convenzioni tra Inps e caf , convenzioni indispensabili ai centri di assistenza fiscale per poter svolgere tali pratiche.

Alla data attuale le convenzioni con il Comune di Torino non sono ancora state rinnovate per cui, al momento il caaf non potrà più spedire direttamente la dichiarazione all’Ente, ma la stessa dovrà essere consegnata dal cittadino.

Consigliamo, al fine di evitare inutili code, di sentire preventivamente gli uffici comunali preposti per le informazioni riguardanti la consegna dell’Isee.

Nella tabella sotto esposta trovate i vari tipi di Isee che possono essere richiesti:

ISEE ORDINARIO

Per la generalità delle prestazioni sociali agevolate (social card, Bonus Energia / Gas, ecc)

ISEE UNIVERSITARI

Per le prestazioni per il diritto allo studio universitario

ISEE MINORI

Per le prestazioni rivolte ai minori, quando i genitori risultino NON CONIUGATI e NON CONVIVENTI

ISEE SOCIO SANITARIO

Per le prestazioni socio-sanitarie in presenza di persone con disabilità o non autosufficienti

ISEE SOCIO SANITARIO RESIDENZE

Per le prestazioni socio-sanitarie residenziali: si tiene conto anche della situazione economica dei figli del beneficiario non inclusi nel nucleo, dei beni donati ai familiari o ad altre persone

ISEE ESONERATI 730/UNICO 2014

Per tutte le prestazioni, quando uno o più componenti il nucleo sia stato esonerato dal presentare la dichiarazione dei redditi anno d’imposta 2013

ISEE DOTTORATO

Per le prestazioni connesse al Dottorato di Ricerca

ISEE CORRENTE

Ricalcolo dell’ISEE già rilasciato in presenza di variazioni reddituali per la perdita del lavoro

FOGLIO COMPONENTE AGGIUNTIVA

In casi particolari quando devono essere richieste prestazioni per i minori, per gli studenti universitari, prestazioni socio-sanitarie residenziali

DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DELLA PRATICA

DATI DEL DICHIRANTE

  • Fotocopia documento di riconoscimento in corso di validità

  • Codice fiscale o tessera sanitaria validi

  • 730/2014 o MODELLO UNICO 2014 redditi 2013
  • CUD 2014 redditi 2013

DATI DI TUTTI I COMPONENTI IL NUCLEO FAMILIARE AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE

  • Dati anagrafici di tutti i componenti il nucleo familiare : componenti Stato di Famiglia, coniuge con diversa residenza, componenti residenti all’estero iscritti AIRE, figli maggiorenni non residenti con i genitori ma che siano fiscalmente a loro carico/non coniugati/non abbiano figli

  • Codice fiscale o tessera sanitaria validi di ciascun componente

  • 730/2014 o MODELLO UNICO 2014 redditi 2013, di ciascun componente il nucleo familiare
  • CUD 2014 redditi 2013 di ciascun componente il nucleo familiare

PATRIMONIO IMMOBILIARE RIFERITO A CIASCUN COMPONENTE IL NUCLEO FAMILIARE ALLA DATA DEL 31 DICEMBRE

  • Dati catastali degli immobili, desumibili da visura catastale o da atti notarili

  • Capitale residuo al 31/12/2014 del mutuo stipulato per acquisto o costruzione degli immobili

  • Dati catastali dei terreni agricoli o edificabili, desumibili da visura catastale o da atti notarili (valore commerciale dell’area edificabile auto dichiarato o certificato)

  • Eventuali incrementi del patrimonio immobiliare avvenuti nell’anno precedente

DATI RELATIVI ALL’ABITAZIONE PRINCIPALE DEL NUCLEO NON DI PROPRIETA’, MA DETENUTA IN LOCAZIONE, AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE

  • Contratto di locazione con annessa registrazione

  • Importo del canone di locazione versato nel 2014, comprensivo degli adeguamenti Istat

  • Protocollo di assegnazione ATC/IACP

PATRIMONIO MOBILIARE RIFERITO A CIASCUN COMPONENTE IL NUCELO FAMILIARE NELL’ANNO DI RIFERIMENTO

  • Depositi e conti correnti bancari e postali di tutti i conti cointestati (anche con persone diverse dai componenti il nucleo familiare)

– Indicazione codice Iban e numero del conto

– TUTTI gli estratti conto del 2014 e VALORE GIACENZA MEDIA

– Saldo al 31/12/2014

– Denominazione e CF/P.Iva della Banca/Posta/Operatore finanziario

  • Investimenti posseduti (anche su depositi cointestati con persone diverse dai componenti il nucleo familiare): Titoli di Stato ed equiparati, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi, azioni, fondi comuni di investimento, assicurazioni sulla vita e di capitalizzazione, altri strumenti e rapporti finanziari:

– TUTTI gli estratti conto del 2014 o VALORE GIACENZA MEDIA

– Saldo al 31/12/2014

– Numero deposito

– Denominazione e CF/P.Iva della Banca/Posta/Operatore finanziario

  • Partecipazioni azionarie in società italiane e/o estere quotate e non

  • Valore del patrimonio netto per le imprese individuali in contabilità ordinaria

  • Valore delle rimanenze finali e costo dei beni ammortizzabili per le imprese individuali in contabilità semplificata

  • Masse patrimoniali: somme di denaro o beni non relativi all’impresa affidati in gestione

  • Eventuali incrementi del patrimonio mobiliare avvenuti nell’anno precedente

ALCUNI REDDITI RIFERITI A CIASCUN COMPONENTE IL NUCLEO FAMILIARE PERCEPITI NELL’ANNO D’IMPOSTA 2013

  • Dati catastali degli immobili posseduti nel 2013 quando soggetti ad IMU

  • Redditi assoggettati ad imposta sostitutiva (es: lavori socialmente utili, compensi per incremento produttività, etc), da CUD 2014 redditi 2013

  • Previdenza complementare erogata sotto forma di rendita, da CUD 2014 redditi 2013

  • Certificazione da lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi da attività di vendita a domicilio, titolari di partita iva

  • Redditi esenti da imposta esclusi i trattamenti erogati dall’INPS (es: borse di studio EDISU o altra Università, quota esente compensi attività sportive dilettantistiche, quota esente redditi frontalieri, etc)

  • Proventi agrari da Dichiarazione IRAP

  • Redditi da lavoro prodotti e tassati solo all’estero e redditi fondiari all’estero soggetto a IVIE (Modello Unico unico per residenti all’estero)

  • Trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari esenti da imposta e non erogati dall’Inps

  • Sentenza di separazione legale dei coniugi e documentazione relativa agli assegni percepiti per il mantenimento dei figli ed a quelli effettivamente corrisposti per coniuge e figli

  • IN CASI DI ESONERO DALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI O SOSPENSONE DEGLI ADEMPIMENTI TRIBUTARI CAUSA EVENTI ECCEZIONALI: visure catastali degli immobili posseduti nel 2013, CUD 2014 o altra certificazione attestante i redditi percepiti nel 2013, oltre ai redditi sopra elencati


Dati relativi ad AUTOVEICOLI E MOTOVEICOLI di cilindrata pari o superiore a 500cc posseduti dai componenti il nucleo familiare: carta di circolazione da cui rilevare targa ed intestatari
ALTRI DOCUMENTI NECESSARI ALLA COMPILAZIONE

  • Altri beni durevoli (per esempio navi ed imbarcazioni da diporto, etc): estremi di registrazione presso il registro competente

  • Verbale di riconoscimento dello stato di invalidità o non autosufficienza

  • Documenti attestanti i versamenti effettuati nel 2014 per l’ospitalità alberghiera in istituti socio-assistenziali residenziali per coloro che già beneficiano della prestazione socio-sanitaria

  • Spese sostenute nel 2014 per assistenza a disabili e non autosufficienti (escluse le spese per le badanti regolarizzate direttamente dal richiedente la prestazione)

  • Atti notarili per le donazioni di beni immobili in favore del coniuge, dei figli o di altri familiari sostenute negli ultimi tre anni.

MODALITA’ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO

Gli iscritti Fisac CGIL possono ottenere questa certificazione tramite un CAAF presso il quale fissare un appuntamento.

Fai click qui CAAF per l’elenco delle sedi  di Torino e Provincia e relativi recapiti .

I SOLI ISCRITTI DELLA FISAC DI TORINO E PROVINCIA, in alternativa possono ottenere questa certificazione inviando tutta la documentazione necessaria (indicando anche il motivo della richiesta ed un recapito telefonico) al seguente indirizzo di posta elettronica: 730fisac@gmail.com.

Il CAAF rilascerà la ricevuta di avvenuta presentazione all’Inps che entro una quindicina di giorni dovrebbe inviare la dichiarazione; nel caso in cui fossero necessarie delle correzioni rispetto a ciò che verrà indicato dall’Inps, l’Istituto di Previdenza Sociale dovrà rivedere nuovamente la posizione e quindi saranno necessari ulteriori 15 giorni per avere la nuova elaborazione.

NB: Dal momento che i tempi di compilazione saranno decisamente più lunghi rispetto al passato, sollecitiamo ad inviare la documentazione almeno un mese prima rispetto alla scadenza di presentazione dell’Isee.

DIPARTIMENTO FISCALE

FISAC CGIL PIEMONTE

VERSO LO SCIOPERO GENERALE DEL 12 : ASSEMBLEA DI PIAZZA MERCOLEDI’ 3 DICEMBRE

fisac

 

In preparazione dello sciopero generale del 12 dicembre, la Fisac di Torino organizza un’assemblea di piazza per tutte/i  le lavoratrici/lavoratori bancari, assicurativi ed esattoriali di Torino e Provincia.

L’iniziativa si svolgerà mercoledì 3 dicembre nei locali del Sermig in Piazza Borgo Dora 61

 

Click qui sermig   per tutti i dettagli

IMPOSTE SULLA CASA IMU E TASI: SERVIZIO DI CALCOLO

IMU

Si avvicina la data di scadenza del pagamento delle rate di saldo di Imu e Tasi, di seguito riportiamo le indicazioni per il pagamento delle due imposte.

IMU

Il prossimo 16 dicembre sarà l’ultimo giorno utile per il pagamento del saldo della rata dell’Imu.

I fabbricati soggetti all’Imu sono tutti i fabbricati diversi dalla prima casa di abitazione con relative pertinenze.

A partire da lunedì 17 novembre e fino a giovedì 11 dicembre gli iscritti di Torino e Provincia della FISAC CGIL potranno avvalersi del calcolo con il servizio CAAF CGIL.

Costo del servizio

Coloro che a giugno si sono già avvalsi del nostro servizio di calcolo non dovranno più versare nulla;

a coloro che a giugno non si sono avvalsi del nostro servizio di calcolo verrà applicata la seguente tariffa:

8,00 euro per iscritti CGIL

13,00 euro per i non iscritti

il pagamento del servizio deve essere fatto attraverso bonifico al seguente c/c/c bancario:

FISAC CGIL

Codice IBAN: IT65H0200801137000002360874

Causale: servizio calcolo IMU

Documenti necessari per il calcolo:

  • visura catastale non anteriore al 2001;
  • codice fiscale
  • indicazione della percentuale di possesso dell’immobile
  • copia ricevuta pagamento prima rata imu (scadenza 16/06/2014). E’ indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato effettuato il pagamento;
  • per coloro che a giugno non si sono avvalsi del nostro servizio di calcolo, copia del bonifico di pagamento della relativa tariffa

Modalità del servizio:

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti entro e non oltre giovedì 11 dicembre tramite posta elettronica al seguente indirizzo: 730fisac@gmail.com, nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento

TASI

Questa imposta si applica sicuramente alle prime case di abitazione e relative pertinenze,.

Dal momento che ad ogni Comune è stata data ampia libertà di deliberare in merito, questa imposta potrebbe essere applicata anche alle seconde case, agli inquilini etc.

E’ dunque indispensabile vedere le delibere comunali, anche per conoscere le eventuali detrazioni.

Anche per la Tasi l’ultimo giorno utile per il pagamento è stato fissato per il 16 dicembre.

NB: la scadenza del 16 dicembre vale anche per quei comuni per i quali la prima rata scadeva il 16 ottobre.

A partire da lunedì 17 novembre e fino a giovedì 11 dicembre gli iscritti di Torino e Provincia della FISAC CGIL potranno avvalersi del calcolo con il servizio CAAF CGIL.

Costo del servizio

Coloro che a giugno/ottobre si sono avvalsi già avvalsi del nostro servizio di calcolo non dovranno più versare nulla;

a coloro che a giugno/ottobre non si sono avvalsi del nostro servizio di calcolo verrà applicata la seguente tariffa:

8,00 euro per iscritti CGIL

13,00 euro per i non iscritti

il pagamento del servizio deve essere fatto attraverso bonifico al seguente c/c/c bancario:

FISAC CGIL

Codice IBAN: IT65H0200801137000002360874

Causale: servizio calcolo TASI

Documenti necessari per il calcolo:

  • visura catastale non anteriore al 2001;
  • codice fiscale
  • indicazione della percentuale di possesso dell’immobile
  • indicazione del numero di figli conviventi di età inferiore a 26 anni
  • copia ricevuta pagamento prima rata tasi (scadenza 16/06/2014 o 16/10/2014). E’ indispensabile la ricevuta con l’indicazione del giorno in cui è stato effettuato il pagamento;
  • per coloro che a giugno/ottobre non si sono avvalsi del nostro servizio di calcolo, copia del bonifico di pagamento della relativa tariffa

Modalità del servizio:

E’ sufficiente inviare tutti i documenti richiesti entro e non oltre giovedì 11 dicembre tramite posta elettronica al seguente indirizzo: 730fisac@gmail.com, nel giro di qualche giorno verrà fornito (sempre tramite e-mail) il mod f24 utile per il pagamento

IMPORTANTE:

Sui siti internet dei Comuni, saranno disponibili le applicazioni per provvedere al calcolo sia dell’Imu che della Tasi.

Inoltre, molti comuni hanno messo a disposizione uffici appositi che si occuperanno del calcolo di queste imposte, fornendo un servizio gratuito.

Di seguito potete trovare il link attraverso il quale ottenere la stampa delle visure catastali indispensabili per il calcolo.

http://sister.agenziaentrate.gov.it/CitizenVisure/index.jsp

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

SCADENZA TASI 16 OTTOBRE 2014: ISTRUZIONI PER L’USO

 

tasi-7

 

Il prossimo 16 ottobre scadrà la prima rata della Tasi per quei Comuni che non avevano deliberato in merito entro il 31/05/2014 e per i quali alla scadenza del 16 giugno (scadenza per il pagamento dell’acconto) non si era dovuto pagare nulla.

Dal momento che ad ogni Comune è stata data ampia libertà di agire (non solo sulle aliquote da applicare, ma anche sulle detrazioni, nonché sui soggetti a cui si applica tale imposta – a titolo d’esempio in alcuni Comuni una quota di questa imposta è dovuta non solo dai proprietari degli immobili, ma anche dagli inquilini) non è possibile elencare le possibili varianti;  assume quindi particolare importanza, prima di procedere al calcolo, verificare quanto stabilito dalle delibere comunali.

Chi volesse procedere per conto proprio a tale calcolo, consigliamo di farlo attraverso il sito del Comune presso il quale l’immobile è ubicato oppure contattando direttamente gli uffici comunali preposti.

Gli iscritti Fisac CGIL di Torino e Provincia possono avvalersi del servizio di calcolo del caaf ATTIVA CGIL, inviando la documentazione sotto elencata all’indirizzo di posta elettronica 730fisac@gmail.com, ENTRO E NON OLTRE MARTEDI’ 14 OTTOBRE 2014; il costo del servizio è pari a 8,00 euro:

– Visura catastale

– Codice Fiscale

– percentuale di possesso dell’immobile

– presenza di figli di età inferiore a 26 anni

-copia ricevuta bonifico di 8 euro da versare sul c/c intestato a

FISAC CGIL

cod iban: IT65H0200801137000002350874

CAUSALE: tariffa calcolo tasi

ATTENZIONE: Per gli immobili ubicati nel Comune di Torino, il 16 ottobre NON DOVRA’ ESSERE VERSATO NULLA (nè dai proprietari, nè dagli inquilini) , poichè già deliberato in precedenza e già versato l’acconto lo scorso 16 giugno.

La prossima scadenza per il Comune di Torino sarà il 16 dicembre per il versamento del saldo della TASI sulla prima casa e del saldo dell’Imu sugli altri immobili.

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL TORINO E PROVINCIA