Incontro con l’azienda. Siamo tutti Immuni?

Il giorno 23 ottobre 2020 si è svolto con inizio alle 17.00 in
videoconferenza, il primo incontro tra le OO.SS e i rappresentanti di Pronto Pegno
S.p.a.
Per le OO.SS erano presenti la RSA costituita Fabi Giorgio Sassi ed il Segretario
Territoriale Fabi Marras, la Segretaria Regionale Fisac Cinzia Borgia e la Dirigente
Provinciale Fisac Marzia Moschetti, il Segretario Regionale First Cisl Fabrizio Dagna.
Per Pronto Pegno erano presenti Raffaele Spina, Direttore Capitale Umano Banca
Sistema e Alessandra Rossetti, Selezione e Gestione HR BP.
Si è subito chiarito che la Società Pronto PEGNO spa, come da accordi sottoscritti il
14/01/2020 e 20/05/2020 ha conferito mandato di rappresentanza all’ABI.
A tal proposito, la verifica rispetto l’applicazione del contratto collettivo di 2°livello e
l’impegno di assicurare ai dipendenti trasferiti una copertura sanitaria ed un fondo
pensioni con contribuzione pari al datore di lavoro precedente, sarà effettuata con
incontro specifico entro i termini dell’accordo.
L’incontro si è concentrato su alcune specifiche criticità della piazza di Torino rispetto
ad orari e situazione di lavoro.
Abbiamo rilevato all’azienda che pur comprendendo la situazione pregressa
ereditata e l’avvio di procedure a censimento della clientela nuove, a distanza di tre
mesi gli straordinari e la pausa pranzo a turni, precedentemente non prevista, con la
clientela inferocita all’interno della filiale, sono praticamente stabili, e stanno
esponendo il personale, ad un notevole stress e malumore.
L’azienda consapevole dello sforzo che i colleghi stanno effettuando ha dichiarato
che entro novembre la mole di lavoro sarà sensibilmente ridotta.
Abbiamo chiesto chiarimenti riguardo alle telecamere orientate verso le postazioni
dei lavoratori e dei motivi per cui tale intervento non sia stato oggetto di accordo
come viene definito dall’art 4 dello statuto dei lavoratori.
L’azienda ha spiegato di aver direzionato le telecamere verso le postazioni dei
lavoratori esclusivamente per esigenze organizzative legate alla sicurezza del lavoro
e che non sono state avvertite le OOSS. in quanto si doveva agire prima dell’apertura
della filiale e che sono stati fatti tutti passi formali con le strutture di competenza.
Riteniamo il rispetto delle tutele garantite dallo Statuto dei Lavoratori un tassello
fondamentale del nostro ordinamento giuridico e per tale motivo avvieremo le
dovute verifiche in merito.
Abbiamo chiesto chiarimenti in merito alla circolare interna inviata ai dipendenti
riguardo l’applicazione IMMUNI.
A tal proposito abbiamo ribadito che l’azienda non può obbligare il dipendente a
scaricare la app in quanto non è previsto alcun obbligo di legge e soprattutto non
può richiedere di essere informata dal lavoratore se non la istalla.
Ci riesce difficile comprendere come possa essere obbligatorio ciò che per la legge
non è, ciò che per il Governo e per le Istituzioni nazionali costituisce una semplice
facoltà.
Quindi abbiamo chiesto di modificare la circolare inviata.
L’azienda non si è impegnata in tal senso, quindi ribadiamo alle colleghe e ai colleghi
che l’applicazione dell’APP IMMUNI sul proprio cellulare non è obbligatoria per legge
ma è una scelta assolutamente personale che non può essere soggetta ad alcun
altro vincolo.
Chiediamo ai lavoratori di segnalare alle OOSS eventuali problemi in tal senso.
Infine è stato richiesto dalla delegazione sindacale di non stravolgere gli attuali ruoli
in caso di riorganizzazione del lavoro. In particolare è stata ribadita l’ importanza del
ruolo del “ distributore” per agevolare al meglio il servizio alla clientela da parte del
front office .
Abbiamo infine manifestato all’azienda l’intenzione di avviare un dialogo costante e
costruttivo nel tempo attraverso la costruzione di relazioni sindacali partecipi e
incisive, perché solo in tal modo sarà possibile garantire un futuro costruttivo a
questo tavolo.
Alle 18.30 si è concluso l’incontro.

Torino, 28 ottobre 2020
Rsa FABI Pronto Pegno Torino
Le Segreterie Territoriali
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL

prontopegno

Print Friendly, PDF & Email