La legge di bilancio 2020 ha previsto, a partire dalla dichiarazione  dei redditi 2021 – redditi 2020 –  che la detrazione del 19% sulle spese sostenute dal 1° Gennaio 2020 e relative a  spese indicate  all’art. 15 del TUIR  può essere fruita solo se il relativo pagamento è effettuato con sistemi tracciabili

Che cosa significa?

Per effetto  della modifica introdotta, dal 1° gennaio 202 le seguenti spese, se effettuate in contanti, non potranno essere detratte in sede di dichiarazione dei redditi

  • Spese mediche (*)
  • Spese Veterinarie
  • Spese di istruzione
  • Spese per frequenza asili nido
  • Canone locazione studenti universitari fuori sede
  • Spese per abbonamenti al trasporto pubblico
  • Spese per attività sportive figli dai 5 ai 18 anni
  • Interessi passivi mutui prima casa (comprese le spese notarili)
  • Spese per intermediazioni immobiliari per abitazione principale
  • Erogazioni liberali
  • Acquisto veicoli per persone con disabilità, acquisto di cani guida
  • Spese per addetti all’assistenza personale nei casi di non autosufficienza/Badanti
  • Spese Funebri
  • Premi per assicurazioni rischio morte e contro gli infortuni

(*) Due sono le eccezioni  alla regola della tracciabilità:

  • acquisto di medicinali e di dispositivi medici
  • prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al SSN (non intramoenia)

E’  necessario che  il pagamento avvenga con :

  1. carte di credito/debito,
  2. bancomat,
  3. bonifico bancario,
  4. bonifico postale,
  5. assegni.

IMPORTANTE

LE CARTE DI CREDITO E I CONTI CORRENTI DEVONO ESSERE INTESTATI AL BENEFICIARIO DELLA DETRAZIONE

PER POTER FRUIRE DELLA DETRAZIONE. IN SEDE DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANDRANNO CONSEGNATE, OLTRE ALLA  COPIA DELLE FATTURE, LA  COPIA DELLA RELATIVA RICEVUTA DI BANCOMAT E/O CARTA DI CREDITO O DELL’ASSEGNO E LA COPIA DELL’ESTRATTO DEL CONTO CORRENTE O DELLA CARTA DI CREDITO

 

DIPARTIMENTO FISCALE FISAC CGIL PIEMONTE

Print Friendly, PDF & Email