Riceviamo dalla Camera del lavoro di Asti: Il Direttivo della CGIL di Asti, riunitosi il 26 maggio 2011, esprime solidarietà nei confronti dei lavoratori di Equitalia per gli inqualificabili attacchi di questi ultimi giorni, che vanno dalle aggressioni alle agenzie della società a veri e propri tentativi di sequestro dei dipendenti. Il Direttivo ritiene ingiustificabile, in linea di principio, che dei lavoratori alle dipendenze di una azienda debbano essere ritenuti responsabili delle sue politiche, per quanto contestabili. Nel caso specifico, Equitalia esegue disposizioni derivanti dalla politica economica del Governo. Quello stesso Governo che ha sostanzialmente giustificato tali aggressioni, e che perpetra il disprezzo della legalità, la tolleranza nonché incoraggiamento verso l’evasione fiscale, la noncuranza nei confronti del patto fiscale che deve necessariamente sorreggere la società. Altro è lottare per una vera giustizia fiscale ed una equa distribuzione della ricchezza, come da sempre fa la Cgil e come era punto qualificante della piattaforma dello sciopero generale del 6 maggio scorso, altro è fomentare il sentimento di ostilità verso l’impianto fiscale del paese e verso tutto quanto è servizio pubblico, arrivando a legittimare anche derive violente. Asti, 26 maggio 2011

Print Friendly, PDF & Email