lunedì 26 ottobre 2009

Incontro con ABI - 22 ottobre 2009
COMUNICATO ALLE STRUTTURE - Il 22 ottobre, come da calendario concordato, si è svolto l’incontro tra le Organizzazioni Sindacali e la delegazione ABI. Il confronto ha riguardato sostanzialmente l’utilizzo del Fondo esuberi ed il tema dell’occupazione nel settore. Per quanto riguarda il Fondo esuberi ABI, ha dichiarato la propria disponibilità a rivedere, andando incontro alle richieste delle Organizzazioni sindacali, l’utilizzo delle risorse della parte ordinaria finalizzandole alle situazioni emergenziali (Banche estere, e aziende finanziarie con personale privo dei requisiti di pensionamento entro 60 mesi). Nel contempo la delegazione aziendale ha manifestato la necessità di ricercare strumenti fiscali e/o contributivi al fine di ridurre gli oneri sul costo del lavoro a carico delle aziende. Sull’occupazione ABI ha chiesto la regolamentazione dei Contratti Complementari con l’estensione dell’applicazione ad attività oggi non previste dal CCNL. Ulteriori incentivi all’occupazione dovrebbero essere reperiti dall’applicazione di tabelle inferiori al CCNL e da forme di decontribuzione previste dalle normative per le aree disagiate. Infine ABI ha chiesto anche di intervenire sull’attuale disciplina della fungibilità dei quadri direttivi. Le Segreterie nazionali, hanno preso atto positivamente della disponibilità in materia di tutela occupazionale in situazioni emergenziali e censurato i tentativi di ABI di forzature del CCNL. Sulla proposta di raggiungere un’intesa che consenta l’applicazione di tabelle ridotte sulle assunzioni nelle zone “disagiate” ( in particolare del mezzogiorno) la FISAC ha con determinazione respinto ogni scambio in materia, considerando indisponibile il diritto all’uguaglianza della retribuzione tabellare. Il ricatto occupazionale è odioso e pericoloso per l’effetto che potrebbe avere sull’intero sistema contrattuale italiano. Il confronto prosegue il giorno 29 ottobre in ABI. A conclusione della riunione le OO.SS. hanno confermato l’esigenza di ampliare quanto prima il confronto sugli altri temi individuati a partire dal modello di Banca e sistemi incentivanti.
La Segreteria nazionale Fisac/Cgil - Roma, 22 Ottobre 2009

Etichette:


lunedì 12 ottobre 2009

Incontro UniMed
"Documento finale della Riunione dei Sindacati del Settore Finanziario del Paesi del Meditarraneo..." Articolo completo: click qui.

Etichette:


venerdì 9 ottobre 2009

Banca Fideuram: garantire occupazione e professionalità
"Per la Fisac Cgil è indispensabile che rispetto alla vendita di Banca Fideuram – prevista dal piano d’impresa 2007-2010 ed accelerata dall’ultimo CdA di Intesa Sanpaolo del 29 settembre scorso - sia garantita la..." Comunicato completo: click qui.

Etichette:


venerdì 18 settembre 2009

Incontro con ABI del 18 Settembre 2009
"Si è svolto oggi, a Roma, l’incontro programmato tra la delegazione ABI e le Segreterie Nazionali per riprendere l’esame della situazione del settore, anche alla luce dell’evoluzione della crisi economica. Le parti hanno convenuto sulla necessità di affrontare prioritariamente, nell’ambito del complessivo confronto avviato, il tema dell’occupazione. Le scriventi Organizzazioni Sindacali hanno sottolineato la volontà di ricercare le migliori soluzioni per la salvaguardia dei livelli e delle tutele occupazionali per i lavoratori e le lavoratrici del settore. La riunione su questo argomento è stata programmata per il prossimo 8 ottobre. In quella sede le OO.SS. si sono riservate di presentare ulteriori proposte e temi da affrontare negli incontri che seguiranno.
Le segreterie nazionali
Dircredito, Fabi, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Silcea, Sinfub, UGL Credito, Uilca

Etichette:


mercoledì 15 luglio 2009

Comunicato sul ferimento della direttrice di banca
"Il recente ferimento di una direttrice di banca perché avrebbe negato un finanziamento a un cliente in difficoltà finanziaria rappresenta, se questa ricostruzione verrà confermata dalle indagini, un episodio gravissimo su cui occorre non solo una attenta riflessione tra gli addetti ai lavori, cioè aziende di credito e organizzazioni sindacali, ma soprattutto una chiara e precisa assunzione di responsabilità da parte di chi, più o meno consapevolmente, alimenta un clima di sfiducia e di sospetto nei confronti del sistema bancario nazionale..." Click qui per leggere il comunicato stampa completo della Segreteria FISAC CGIL Piemonte e Torino.

Etichette:



Archivi

Iscriviti a Post [Atom]

This page is powered by Blogger.